domenica, gennaio 14, 2007

Balletto sulle punte

Col senno del poi sono tutti santoni, ma forse era meglio il contrario: primo tempo da praterie, e “Marazza” ci va a nozze, secondo a una porta, quindi ipotetico territorio di caccia del più potente lituano. Ulli invece li mixa a rovescio con Bellucci, e la giornataccia del capitano gli complica i piani. La controprova non c’è, e magari è Marazzina, più reattivo, quello capace della zampata risolutiva nel traffico. Ma a molti il dubbio è venuto, e da qui in avanti converrà scioglierlo. Il Treviso corto e stretto è contato eccome, e per l’ex Livorno era pur sempre il debutto. Inoltre, nella partitella del giovedì si era visto un Marazzina da sprint olimpico, al Dall’Ara era fermo. E peccato che il cross migliore Brioschi l’abbia azzeccato con Danilevicius già in doccia. Vero che, rispetto a Marazzina, il nuovo acquisto può essere più funzionale a Bellucci, al quale può sottrarre botte e aprire spazi, ma nel gioco Ulli qualcosa dovrà rivederla se la prima opzione è palla a Zauli e aspettiamo che accenda la luce e la seconda è il cross dalla trequarti, mai dal fondo. Poi c’è il caratterino del puntero di Pandino. Con Ulivieri si prende il giusto, e la società dovrà farci un pensierino. A tenerlo in panca si deprime e si deprezza. Un lusso insostenibile.
(CHRISTIAN GIORDANO)

Nessun commento:

Posta un commento