sabato, gennaio 27, 2007

Bologna-AlbinoLeffe 1-0

Primo tempo - Padroni di casa con sorpresa: Zauli, dato titolare dietro le punte Danilevicius e Bellucci, nemmeno va in panchina. Il trequartista lo fa Meghni. Rossoblù senza vittorie da 4 turni, ovvio che partano fortissimo. L’AlbinoLeffe, che vince poco e perde mai (prima giornata, a Lecce, a parte), aspetta. Almeno fino al 6’ quando il neacquisto lituano – alla terza gara dal suo arrivo dal Livorno – segna il suo primo gol bolognese. Cross di capitan Bellucci da destra, il terzino destro Innocenti non scala al centro e il liberissimo “Dani” incorna da solo nell’angolino alla sinistra di Acerbis. 1-0, e gara che per gli emiliani sembra in discesa. Invece sale l’AlbinoLeffe, anche se gli uomini di Ulivieri si rendono ancora pericolosi. Al 1’, Bellucci centra un compagno. Al 12’, collo-esterno sinistro di Amoroso, alto. Al 15’, il pareggio sembra fatto: Cellini da solo davanti ad Antonioli tira in corsa addosso al portiere. 24’, Bellucci ci prova su punizione dal limite sinistro: classico destro a giro, palla fuori alla destra di Acerbis. 27’, Bellucci di testa, una deviazione manda la palla in corner. 29’, sinsitro alto di Bellucci, il migliore in campo. Il pareggio arriva, con Cellini proprio al 29’, ma neanche si parla di gol annullato perché Orsato fischia prima: il dubbio è che l'assist sia stato un retropassaggio a lob di Mingazzini, e nel caso l’offside sarebbe escluso. 43’, Beringhieri spinge in area Brioschi: il Bologna chiede il rigore e pare averne tutte le ragioni.
Secondo tempo - Mondonico si traveste da Zeman e gioca gran parte della seconda frazione schierando il tridente (Ruopolo, arrivato a gennaio dalla Triestina, Ferrari e Cellini). Il Bologna attacca con giudizio, stando più attento a non prendere il pari che a raddoppiare. A dirla tutta, al 3’ Colombo – solo soletto davanti ad Antonioli sullo spiovente dalla destra – il pareggio lo acciuffa con lo splendido sinistro al volo in acrobazia, ma l’arbitro annulla per un fuorigioco che al Dall’Ara soltanto lui ha visto. Al 1’ destro alto di Bellucci da posizione centrale. Al 10’, punizione non pericolosa degli ospiti (destro di Boringhieri fuori misura alla sinistra di Antonioli). Al 13’ Ulivieri cambia la punta (Marazzina per Danilevicius), poi, al 36’, si cautela togliendo Meghni per il terzino destro (seppure di spinta) Daino. Il pericolo maggiore, al quarto d’ora, lo sventa Brioschi, che in scivolata chiude in corner su Cellini, fiondatosi sul cross da destra di Ruopolo. La difesa rossoblù, priva degli infortunati Terzi (al centro), e di Costa e Smit sulla sinistra, nel finale soffre ma tiene. Il pari arpionato in extremis da Nedved a La Spezia, allunga a +2 il vantaggio della capolista Juventus sul Bologna, secondo in solitario nell'attesa del positicpo di stralusso Napoli-Genoa.
CHRISTIAN GIORDANO

Cesena-Brescia 2-1 - 1' Salvetti (C), 33' Papa Waigo (C), 82' Cortellini (B)
Primo tempo - Salvetti apre e chiude la frazione e, forse, la partita. Neanche il tempo di fischiare il via e, dopo 20”, Cesena in vantaggio. Duello aereo Pellé-Mareco, palla alta che carambola dalle parti del capitano, stop di petto, controllo col destro e sinistro fulminante su cui Viviano non può arrivare: 1-0. Al 33’, Salvetti verticalizza per Papa Waigo, che sull’uscita del portiere mette dentro di piatto destro il decimo pallone stagionale. Nel mezzo, una punizione (destro a giro alto, all’8’) del bresciano Possanzini, il mancato craddoppio di Papa Waigo (15’) e poco altro.
Secondo tempo - Ripresa con i padroni di casa in relativo controllo. Ospiti che cercano di riaprire la partita, obiettivo raggiunto solo al 37’: splendido sinistro a giro di Roberto Cortellini, che mette il primo timbro in campionato trasformando con un magico sinistro a rientrare una punizione dal limite dell’area. Il pallone sbatte sotto la traversa della porta difesa da Sarti, vice dell’infortunato Turci, e si infila docile alla sinistra del portiere: 1-2. Inutile il forcing finale delle Rondinelle, i tre punti lanciano il Cesena a quota 29. Il sorpasso (+1 sul Brescia) è riuscito.
CHRISTIAN GIORDANO

Nessun commento:

Posta un commento