lunedì, giugno 15, 2009

Tre anni in più, eccolo il gap


La rabbia e l'orgoglio sono quelli del 2006. Quando ogni conferenza stampa di Lippi era una battaglia con solo un vincitore: lo spirito di gruppo azzurro. Buon segno. Perché alla sindrome dell'accerchiamento, fattore decisivo a Spagna 82 come in Germania 24 anni dopo, si è aggiunta la consapevolezza della propria forza. Una forza figlia della coesione sì, ma soprattutto dei risultati.
Lippi con l'Italia ne ha fatti per 31 partite consecutive, record mondiale di Basile e Clemente eguagliato, prima del ko di Londra col Brasile.
Quel Brasile che, con la Spagna, è il grande favorito di questa Confederations Cup. Assieme ai campioni del mondo. Alla prima, contro gli Stati Uniti, Lippi ne schiererà dall'inizio nove dei dodici portati in Sud Africa.
Ancora tanta fame, ma con tre anni in più. Nella speranza che non siano un gap.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

Nessun commento:

Posta un commento