mercoledì, gennaio 20, 2010

Villans in festa, 10 anni dopo


Una festa così per la finale di Coppa di Lega strappata quasi al tie-break, 6 a 4 al Blackburn? Più che giustificata, se ti chiami Aston Villa e non annusi l'erba di Wembley da dieci anni.
Dalla storica finale di FA Cup del 2000. L'ultima del vecchio Wembley, poi chiuso per sette anni. Quella del derby italiano fra i Villans di Benny Carbone e il Chelsea già allora molto tricolore: con Di Matteo e Zola in campo, Cudicini in panchina accanto a Vialli, ormai solo allenatore e non più player-manager e uno stuolo di "italiani" acquisiti: Desailly, Deschamps, Weah e fra le riserve il futuro senese Flo.
Ecco perché il prossimo 28 febbraio, sarà comunque una festa per i claret and blue di Birmingham. Una festa che più di tutti si è meritato Martin O'Neill, un vincente al di là dei trofei alzati. Dopo le Coppe dei Campioni vinte da giocatore col Nottingham Forest e i trionfi in Scozia alla guida del Celtic, il piccolo condottiero sta vincendo anche la sua sfida più difficile. Riportare il Villa nell'élite del calcio inglese sempre più ristretta alle solite Big Four: Riuscirci senza i petrodollari del City ma con gli spiccioli dell'americano Lerner sarebbe un'impresa da ricordare. Possibilmente, sperano i Villans, con un finale diverso da quello deciso, dieci anni fa, dal nostro Di Matteo.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

Nessun commento:

Posta un commento