venerdì, luglio 30, 2010

Diego & Amauri, buona la prima


Due gol, un palo e la cattiveria delle gare che contano.
Doveva essere la squadra di Diego, e a lungo lo è stata.
Ma a Dublino, è stata, soprattutto, la Juve di Amaurì.
Concentrata, corta e stretta, aggressiva, la squadra, sulle fasce - Motta e Pepe a destra, De Ceglie e Lanzafame poi Martinez a sinistra - è già quella di Delneri. In avanti, invece, è tutta di quei due.
In mezzo, con Sissoko e Marchisio non si passa. Dietro, con Bonucci e Chiellini neanche a parlarne. E così Storari può solo ammirare i tifosi irlandesi, che neanche sullo 0-2 smettono di cantare "que sara sara", aspettando che entri Del Piero.
Quando succede, tutti si alzano in piedi per fotografarlo. Certe occasioni vanno colte al volo.
Tanto, partita e qualificazione, Amauri le aveva già chiuse. Alla sua maniera. Come faceva a Palermo.
Se Diego, come sembra, tornerà quello visto al Santos e al Werder, questa Juve farà strada.
E non soltanto in Europa.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

2 commenti:

  1. questi irlandesi sono una squadra da c2...

    RispondiElimina
  2. Stravero. Ma bisogna lo stesso batterli, e farlo senza rischiare niente mi sembra un buon segno. No?

    RispondiElimina