sabato, marzo 05, 2011

Tranqui, "Tronche": Juve & Milan, amici mai

In un mondo in cui Moratti deve tifare Juventus, allora vale tutto: persino che i tifosi juventini, sul forum di Vecchiasignora.com, rispondano così a Tronchetti Provera: "mai fatto propaganda volta a tifare contro la propria squadra".
Letto fra le righe (rigorosamente bianconere), non faremo come la Lazio.
«Stiamo qui a guardare, sperando che tutti ce la mettano tutta» aveva detto il "signor Pirelli". Parole subito spazzate via, prima ancora che dalla rivalità, dagli interessi di classifica. Questo Juve-Milan è una partita-scudetto solo per i rossoneri. Ma vale tanto anche per la Juve, scivolata a -5 dalla Roma e a -7 dal quarto posto che significa Champions. Cioè tanti soldi.
Allegri, che ha capito tutto, ha parlato di squadra ferita quindi pericolosa. La cabala però lo aiuta. Negli ultimi 5 scudetti rossoneri, il Milan a Torino ha sempre vinto.
E' successo con Ancelotti, il 14 marzo 2004, 3-1 con gol di Shevchenko e doppietta di Seedorf.
Capello vinse 2-0, il 9 maggio '99: doppietta di Weah, con assist di Boban e passeggiata mano nella mano sotto la curva. E due volte 1-0: con Eranio il 6 marzo '94, con Simone il 29 novembre 1992 quando Seba Rossi parò il rigore a Vialli.
Anche Sacchi vinse 1-0, il 10 gennaio '88: colpo di testa di rara potenza di Gullit.
Ma c'era Sacchi anche l'ultima volta che un Milan in lotta per lo scudetto perse a Torino con una Juve già fuori dai giochi: 3-0 a l'11 marzo '90, l'anno della "fatal Verona", della monetina di Alemao e del secondo tricolore del Napoli. Primo davanti al Milan per 2 punti. Altri tempi. Anche allora valeva tutto, ma forse no.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

Nessun commento:

Posta un commento