martedì, dicembre 06, 2011

Chelsea, sprofondo Blues

Quindici milioni di euro di clausola: tanti per un 33enne, una cifra irreale per uno che in campo deve mandarci gli altri. Sei mesi a Stamford Bridge e André Villas-Boas non è più l'enfant prodige della panchina. Figuriamoci lo Special Two.

Colpa di un 4-3-3 iperdinamico mai assimilato dai senatori, e di una concorrenza che in Premier si chiama Manchester City. Troppo forte per uscire subito, il Chelsea s'è complicato la vita in un girone più duro del previsto e risolto negli ultimi 90 minuti.

Sturridge top scorer dei Blues, che in attacco hanno Drogba, Anelka e Torres non è un bel segnale. Lampard, logorato da un decennio di corse box-to-box, da un'area all'altra, regala ancora scampoli di classe ma senza la freschezza di un tempo. Come Malouda. Cech para quel che può, ma la difesa si regge sui colpi di testa - in tutti i sensi - dei brasiliani David Luiz o Alex e di Terry, che qualche guaio in campo e fuori lo combina sempre. Perso Essien, le note liete sono Raul Meireles in mezzo e Mata in avanti. Un po' poco per mandare via uno come Ancelotti.

PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

Nessun commento:

Posta un commento