lunedì, marzo 12, 2012

Rivera, primo "10" moderno

Per i ragazzi di oggi è un filmato granuloso da scaricare su ipad, iphone, sky-go e altre diavolerie, o magari preso da Youtube mentre fa una veronica a Ballando con le stelle.

Ma per i diversamente giovani - i figli del boom anni sessanta e poi degli anni di piombo - è il simbolo del diavolo rossonero. Il capitano del Milan della seconda Coppa dei campioni, della fatal Verona e del decimo scudetto, quello della Stella. Arrivata all'ultima giornata, con lui in mezzo al campo che, microfono in mano, invitava i tifosi a liberare il secondo anello perché pericolante.

Nell'immaginario collettivo restano invece la sua massa di capelli, oggi soltanto più candida, l'icona del primo calciatore moderno. In campo e fuori. ll fuoriclasse bambino che esordì in A 15enne con l'Alessandria. Il Golden Boy che Gianni Brera - suo primo avversario, amico e ammiratore - ribattezzò Abatino, consegnandolo alla leggenda come e più della staffetta mondiale con Mazzola a Messico 70, il Mondiale di Italia-Germania Ovest 4 a 3. Con Rivera insultato da Albertosi per non aver evitato il 3-3 e poi, dall'altra parte, capace di portarci in finale. Che Valcareggi gli fece giocare per gli ultimi 6 minuti.

Rivera è stato molto di più che un pezzo di storia. In tempi di Catenaccio imperante, è stato il primo numero dieci capace di vedere e aprire autostrade dove i mortali nemmeno immaginavano sentieri. In finale di Coppa Campioni a Madrid '69, portò a scuola il primo Ajax di Cruijff e con il terzo occhio mandò in gol tre volte Pierino Prati.

Rivera è stato la prima superstar moderna anche come personaggio. La love-stroy con la soubrette tv Elisabetta Viviani riempiva i rotocalchi. le sue polemiche con Concetto Lo Bello, con i presidenti del Milan, il suo legame con padre Eligio ne facevano un simbolo di un'Italia rurale che non c'era più e post-industriale che non c'era ancora. Ma è stato, soprattutto, un fuoriclasse italiano. Il primo del calcio moderno.

PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

Nessun commento:

Posta un commento