domenica, maggio 13, 2012

Thank you, Pat!

26 anni con lo stesso club? Un dilettante, Sir Alex Ferguson, perlomeno rispetto a Pat Rice: 48 con l'Arsenal. 14 da giocatore e 34 allenatore, prima delle giovanili poi da assistente in prima squadra. L'alsaziano Guy Roux ne ha vissuti 44 all'Auxerre, ma vuoi mettere fare per 16 anni il braccio destro di un altro alsaziano, Arsène Wenger, che i Gunners li ha rivoltati come il cannone nel logo. Quando Pat Rice lo indossava sul petto, da terzino destro, puntava ancora dall'altra parte, poi il marketing decise che no, così non andava più bene. Nordirlandese cresciuto a Londra, Pat già vendeva frutta e verdura a Gillespie Road quando l'Arsenal lo prese come apprendista. Era il 1964, due anni dopo passò professionista e nel '71 vinse il Double campionato e coppa d'Inghilterra. Ne giocherà altre 4 di FA Cup Finals, e nel 79 alzerà il trofeo da capitano. Erede del grande Franck McLintock, l'ultimo nell'era pre-Tony Adams. Un'epoca povera di successi chiusa con 528 presenze in 14 stagioni, prima di finire la carriera al Watford. Presenza incisiva ma discreta, a 63 anni - come il Big Ben - ha detto stop: a quell'età, non se la sente più. Al suo posto, Steve Bould un altro simbolo del club che ha fatto bene con la Academy. Una scelta in linea con la tradizione. Ma per Wenger, e non solo in caso di squalfica, nulla sarà più come prima. PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO PS: Pat Rice è quello a sinistra...

Nessun commento:

Posta un commento