venerdì, aprile 30, 2010

Alberto Aquilani interviewed by Christian Giordano

Despite a tough start to his career in the Premier League, the former Roma star is happy at Liverpool

World Soccer: You were born and raised in Rome, and then spent 10 years with Roma. How hard was it to leave your home-town club and sign for Liverpool?
Alberto Aquilani: It was – and it is – very difficult for a Roman, a romanista, such as me, to leave the city and say goodbye to Roma. Rome is in my heart and it will be there forever. I go back home whenever I can. I grew up there, it is where all my friends and my family live, and where my roots are. But it was a conscious decision on my part to sign for Liverpool and, though I still miss Rome, I am so glad of my experience in England so far. I would not change anything – except the results the team have experienced on the field and the long months I endured on the sidelines as I worked to regain my fitness.

Were you worried about moving to England?
To be truthful, before I arrived I had a terrible fear of the English press because everyone I spoke to warned me they could be very dangerous. But I have experienced no problems with them yet, so perhaps it was just an exaggeration.

You are over 6ft tall, yet your nickname is “The Little Prince”. Can you explain this?
The name has nothing to do with my height. As a child, my football idol was Giuseppe Giannini, a superstar no10 and captain of Roma. I had his poster on my bedroom wall and loved his style of play. He was so smart and skillful; beautiful to watch and brilliant with a dead ball. He never gave away possession. They called him Il Principe [the prince] and when I played at the Roma academy, people said I resembled him and so began the story of Il Piccolo Principe or Principino [the little prince].

How did you feel when you saw Liverpool fans unfurling banners at Anfield, proclaiming “Il Principino – A Hero has Arrived”?
It filled me with incredible pride. I was already accustomed to the Roma supporters saluting me with their own songs and banners, but for the Liverpool fans to do the same, even though I had not proved myself in the Premier League, was amazing. It is now my job to repay their support and love. Giallorossi fans are extraordinary and unique, the best in Italy for sure. There are no more passionate fans in the country. But from what I have seen in England, Liverpool supporters come from the same mould. They have a great reputation in the world of football and I now know exactly why.

An ankle injury decimated the start of your Anfield career. How frustrating was it not being able to figure at the start of the season?
It was one of the hardest, darkest times of my career. Injury is a nightmare for any player, but to be unable to play just after I had joined a new club was terrible. The time seemed to go so slowly as I tried to get fit. Every match I was forced to miss was agony. But I am now trying not to dwell on what has happened and focus purely on the future. I am finally fit now and desperate to show the club, my team-mates and the fans exactly what I can do.

Critics have called you injury prone. How do you react to such allegations?
I cannot agree with these people at all. Injury is a part of life for all footballers, but I do not believe I have a greater predisposition to injury than anyone else. The problems I have had have been caused by desire to do well for Roma last season and now Liverpool – and perhaps returning too soon and hurting myself again. Both times the team needed me and I was desperate to make a contribution. But I would do the same again if I felt I could help achieve a good result.

Both Arsenal and Chelsea reportedly tried to sign you at the age of 16. Why did you reject their advances? It is true, there was talk of interest from both clubs, but I am not sure how serious the rumours were. However, at that time my only focus was to sign a professional contract with Roma and I did not want to abandon that dream. Perhaps it was my destiny to come to England to play for Liverpool and not Chelsea or Arsenal.

The media have described you as the player signed to replace Xabi Alonso. Does that increase the pressure on you to succeed at Anfield?
Not at all. I am Aquilani not Alonso. I am a different person and have a different style of play. Of course I know what an influential player he was for Liverpool, but I do not think of following in his footsteps, only of making my own path. It is obvious to me and anyone who knows anything about the game that we are two different kinds of player and I hope soon I will show the Liverpool fans what I can achieve here.

The World Cup is looming on the horizon. How would you assess your chances of making the Italy squad for South Africa?
It is obvious that I must play regular games for Liverpool between now and the end of the season if I am to have a chance of making the 23. After that, we shall see. The good news is the Premier League is so strong, perhaps the most important in the world, so if I can do well here it will prove my form is good. It is the dream of every player to perform at the World Cup and I am no different.
But nothing will happen for me unless I begin to shine for Liverpool and, for now, that is my only focus. The club has been very patient with me and I feel that I owe them for that.

martedì, aprile 27, 2010

Diego & Gaby Milito, fratelli contro


Uno contro l'altro, praticamente amici. Di più: fratelli. I fratelli Milito. Argentini di Bernal.
Diego Alberto è "el Principe" per la somiglianza, impressionante, con Enzo Francescoli.
Gabriel Alejandro è "el Mariscal", il Maresciallo, come Roberto Perfumo, leggenda delle difese, negli anni 60-70, di Racing Avellaneda, River Plate e Selecciòn argentina.
Diego è un grande centravanti: 44 reti in 63 partite in Serie A.
Gaby è un difensore centrale, e sarebbe stato grande senza gli infortuni.
A separarli, al Camp Nou, non saranno solo il ruolo e i 15 mesi di differenza (giugno '79 il Diego, settembre '80 Gaby).
Ci sarà anche una finale di Champions. Un biglietto nominale per Madrid. In campo al Bernabéu, sabato 22 maggio, ci sarà posto solo per un Milito.
Anche dopo l'infortunio, Gaby non è mai stato uno dei preferiti di Guardiola, che nelle sue rotazioni lo ha inserito solo quando non poteva farne a meno. Sabato in campionato con lo Xerez, però, lo ha risparmiato. Come Messi, Busquets, Pedro e Piqué. Un segnale.
Squalificato Puyol, a marcare Diego potrebbe infatti essere il fratello.
Chissà per chi farà il tifo, dalla Calabria, Angela Borrelli, la cugina di papà Jorge.
Negli anni 50, i loro nonni Salvatore Milito e Caterina Borrelli - lasciarono Terranova da Sibari per l'Argentina. Due generazioni dopo, i Milito - compagni solo nel Saragozza e in nazionale - saranno la quarta coppia di fratelli avversari in una competizione UEFA per club: dopo gli Edvaldsson, i Koeman e i Riise.
In Barcellona-Saragozza e Racing-Independiente è già successo, e i due non se le sono mandate a dire.
Diego e Gaby, fratelli contro. Ma solo per 90 o 120 minuti. Quelli che portano a Madrid.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

lunedì, aprile 26, 2010

LOST SOULS - Storie e miti del basket di strada


"...se lo state per leggere è perché, probabilmente, siete anche voi morbosamente attratti da chi è passato col rosso nella vita e aveva il talento e la non comprensione di quello che lo circondava per farlo..."
- dalla Prefazione di Federico Buffa

domenica, aprile 25, 2010

Remuntada, venderanno cara la pelle


"Venderemo cara la pelle". Sembrava solo uno slogan da T-shirt, per qualcuno un manifesto d'insicurezza della squadra che ha vinto tutto. E che dopo i due 3-1 dell'inter in 4 giorni - in Champions e campionato - sembra quasi avere paura. Paura di non farcela.
Invece, con quello slogan - "Venderemo cara la pelle" - il Barcellona ha lanciato una serie di iniziative "ufficiali" che si vanno ad aggiungere a quelle spontanee dei tifosi per la "remuntada" che vale la finale di sabato 22 maggio a Madrid. Il sogno di ogni tifoso, alzare proprio al Bernabéu, la tana del nemico, la quarta Champions della propria storia.
Già sulla maglietta esibita da Messi, Ibra e compagni c'era l'ora X: Tutti al Camp alle 20.00, possibilmente indossando maglia, sciarpa e un talismano blaugrana. Il countdown è già cominciato, e l'appello online è attivo anche su Facebook e Twitter.
La partita del tifo comincerà 45' minuti prima della sfida. Anche se il pre partita ha già avuto inizio alla fine della gara con lo Xerez, quando sono stati distribuiti 50.000 adesivi con lo stesso slogan stampato sulle magliette.
Mercoledì allo stadio, invece, saranno 90.000 le cartoline di un mosaico che coprirà gli spalti formando la bandiera con i colori blaugrana e la scritta "Barca".
Il club ha anche girato due spot - altro record -, uno sul ruolo dei tifosi e un altro sui giocatori, stavolta più che mai coprotagonisti di una rimonta degna delle grande imprese del passato barcellonista.
Se siete stati al Museo del Barcellona, sono immagini che riconoscerete.
1979, Barca-Anderlecht 3-0.
1986, Barca-Goteborg 3-0.
1993 Barca-Dinamo Kiev 4-1
2000, Barca-Chelsea 5-1
E' anche per questi particolari che il Barca è molto, molto mès que un club.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

Fra l'Inter e la Liga

El mundo deportivo: "E adesso tocca all'Inter".
Marca: "Kakà val bene una Liga".
Da Barcellona a Madrid, cambia la prospettiva, non la sostanza.
Che la Liga fosse una corsa a due fra blaugrana e merengue si sapeva dall'estate.
Più difficile prevedere che, per Guardiola e Pellegrini, nel momento decisivo della stagione, l'avversario più difficile fosse più nella testa che in campo per il Pep, e nel logorio, quello sì galàctico, delle tante, forse troppe stelle dell'Ingeniero.
Al Camp Nou, lo Xerez, matricola ormai spacciata ma orgogliosa, affronta una capolista mascherata: Guardiola non ha lo squalificato Dani Alves e risparmia Piqué e Busquets e per un tempo Messi e Pedro. In difesa gioca al piccolo chimico. Puyol terzino destro, Marquez e Chigrinskiy centrali troppo lenti anche per l'ultima in classifica, a -57 dalla vetta. Divario mai visto nella Liga. A sinistra Maxwell, assistman a San Siro per il gol-speranza di Pedro e cambio di Abidal se il francese non dovesse farcela mercoledì. Già, "mercoledì 28 aprile. Tutti al Camp Nou. Venderemo cara la pelle". E' lo slogan sulle inedite magliette nere che il Barca, mai così insicuro, sfoggia dopo il 3-1 firmato da Jeffren, da un assist e un gol di Ibra. Il grande ex che in Liga come in Champions ha più segnato che convinto.
Intanto, 261 km più a est, a Saragozza, il Real Madrid saliva sull'altalena delle emozioni.
"Dall'infermeria al riscatto" scrive El Pais di Raùl e Kakà, entrambi al rientro da infortuni, entrambi in gol entrando a gara in corso. Con il capitano che si fa male di nuovo, segna e poi va a soffrire in panchina. Per il dolore e per la squadra, che torna a -1 dal Barca con una magia del Kakà antico. E venderà cara la pelle, anche senza scriverlo su una camiseta negra.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

sabato, aprile 24, 2010

A Saragozza è sempre Raúl Madrid

Dopo Madrid, nel suo cuore, ci sarà sempre un posto speciale per Saragozza e per quello stadio.
Dalla Romareda alla Romareda. Quindici anni e mezzo dopo, è ancora Raùl Madrid.
Il 29 ottobre 1994 Raúl González Blanco esordiva nella Liga, 3-2 per il Saragozza.
Il 24 aprile 2010, il capitano merengue ha firmato il gol che tiene viva la rincorsa al titolo, dopo che il Barcellona, battendo 3-1 lo Xerez, aveva allungato a +4.
Proprio adesso che sembrava ormai certo l'addio al simbolo della Casa Blanca, che a 33 anni vorrebbe chiudere all'estero la sua straordinaria carriera, ecco l'ennesimo colpo del campione. Prima di uscire per infortunio. Con soli 1100 minuti in campionato, il recordman di presenze e reti col Real firmava al 50' l'1-0 che riportava i blancos a -1 dai blaugrana.
Ma il Saragozza, in dieci per l'espulsione di Contini, non si arrende.
E Colunga, in un contropiede regalato, sembra più imprendibile di Messi: con l'1-1, la stagione sin qui tutt'altro che "galàctica" di Pellegrini pare al capolinea.
E invece non è finita. Kakà, appena entrato dopo un mese e mezzo di pubalgia mai dichiarata, si intende a meraviglia con Cristiano Ronaldo e segna così, alla sua maniera, il 2-1 della speranza.
Il miglior regalo possibile, per il capitano, nella sua Saragozza. Tre lustri dopo, dalla Romareda alla Romareda, quello spazio nel cuore è ancora più speciale.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

mercoledì, aprile 21, 2010

Superlativi


Avvertire le penne più illustri (tipo quelle che si vantano di non andare più in Inghilterra) che la finalissima, in Champions League come altrove, non esiste. La finale sì. E magari che Daniel van Buyten è belga, non olandese.

martedì, aprile 20, 2010

Bayern-Lione, scandalo permettendo


In Germania e fuori, da decenni, non è più "solo" FC Bayern Munchen. Lo chiamano, a ragione, FC Hollywood.
Perché, storicamente, la squadra-simbolo della Baviera è anche quella delle superstar, appunto, hollywoodiane.
Franck Ribéry, però, stavolta ha esagerato. Bayern-Lione, "l'altra" semifinale di Champions, oscurata da Inter-Barcellona, è diventata, prima di tutto, Ribéry contro Sidney Govou.
Avversari sulla strada per Madrid 2010, compagni di nazionale nei Blues e, stando all'inchiesta condotta dal PM Yves Dando, clienti di baby-prostitute al Cafe Zaman, locale degli Champs Elysées a Parigi.
Tramite l'avvocato Sophie Bottai, Ribéry - sposato e con due figli - ha ammesso le frequentazioni, facilitate dai jet privati noleggiati dal calciatore, ma ha detto di non sapere che la ragazza era minorenne. E ora rischia, oltre al Mondiale, fino a tre anni di carcere e una ammenda di 45.000 euro.
Meno grave la posizione di Govou, che secondo il suo legale Thierry Braillard, ha avuto rapporti con la stessa ragazza già maggiorenne e "non ha mai messo piede al Cafe Zaman".
Difficile, in una vigilia come questa, pensare alla prima semifinale di Monaco. Trasferta che per l'Olympique, come per il Barcellona a Milano, il vulcano islandese ha reso d'altri tempi: 855 km in 8 mini-bus
Contro un Bayern che viene dal 7-0 di Bundesliga all'Hannover, ma che a metà campo non avrà il capitano, lo squalificato van Bommel, Puel dovrebbe schierare Lisandro Lopez unica punta con Toulalan arretrato al centro della difesa. Davanti a Lloris, eroe di coppa che il prossimo anno sarà il portiere titolare... del Bayern. Pardon, dell'FC Hollywood.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

lunedì, aprile 19, 2010

Fair play da derby, questo sconosciuto


Il derby? Una partita speciale. Figuriamoci se vale il titolo.
Ma quanto speciale?
Dipende, anche, e forse soprattutto, dalle latitudini.
Nello stesso weekend Manchester, Barcellona, Roma: 3 stracittadine, tre modi unici di vivere una partita mai come quest'anno diversa dalle altre.
City-United, il quarto della stagione dopo l'andata e la doppia sfida di Carling Cup, con Ferguson ormai abituato a rimontare Mancini: quest'anno è successo tre volte, e sempre nel finale.
Espanyol-Barca, il primo al Cornella-El Prat, a una settimana dal Clàsico dominato dai blaugrana sul Real e a tre giorni dall'Inter a San Siro, trasferta che il vulcano islandese ha reso d'altri tempi.
Lazio-Roma, anticipato ma non abbastanza per evitare quello che tutti temevano.
Tre derby decisivi, ma con solo un grande sconfitto: il fair play.
In Premier, il Man U è di nuovo a -1 dal Chelsea, caduto male col Tottenham che in 4 giorni di derby londinesi, con Super Bale ne ha vinti due (prima con l'Arsenal poi coi Blues), staccando il Mancio nella corsa-Champions. Ma la vera sconfitta, dopo la bottiglia tirata all'andata a Bellamy, è arrivata all'uscita del "City of Manchester", quando un gruppo di teppisti del City ha aggredito il fratello di Mame Biram Diouf, l'attaccante del Manchester United.
Il sabato di ordinaria follia è proseguito in Catalogna. Dove con Messi, dagli spalti, si è colpito il simbolo della propria inferiorità; e con Xavi, in campo, la mente di Guardiola.
Ma il peggio lo abbiamo dato noi. Ranieri vede lo scudetto con una ripresa senza i totem.
Alla fine, Radu fa lo sgambetto a Perrotta, in campo si scatena la rissa, e Totti sfotte l'avversario sconfitto.
La figuraccia si completa fuori, dove si scatena l'inferno.
Forse, per esserlo davvero, il derby dovrebbe non essere speciale.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

Watson, il miglior attacco è in difesa

Attaccanti si nasce, difensori si diventa. La prova vivente si chiama David Vernon Watson. Nato a Stapleford, Nottinghamshire, il 5 ottobre 1968, “Big Dave” comincia la carriera in Football League nel 1966 al Notts County, la squadra della sua città. Da centravanti. Due anni dopo, lasciato il club del Meadow Lane per il Rotherham United, è il manager dei Millers, Tommy Docherty, ad arretrarlo centrale difensivo per sfruttarne il colpo di testa, uno dei migliori di quella generazione.

Al Sunderland, Bob Stokoe si adegua. Coi Black Cats ancora in Second Division, Watson alza a Wembley la FA Cup 1973 battendo 1-0 (Ian Porterfield al 31’) un Leeds United pieno di nazionali. Ma è il cuore, più che il senso della posizione, l’arte di staccare fuori equilibrio e l’attitudine a far ripartire l’azione, a farne un idolo del Roker Park. Per i media, invece, sarà sempre un giocatore "negativo". Per gli avversari, un artista del lavoro sporco. La verità, come sempre nel mezzo, è che era un gran combattente, con una voglia di vincere smisurata.

Il debutto internazionale arriva a 27 anni e 180 giorni, il 3 aprile 1974 (0-0 a Lisbona in amichevole col Portogallo), quando è già uno dei più forti centrali fuori della First Division. Con lui debuttano altri cinque (tra cui Trevor Brooking) nell’ultima partita da Ct di Alf Ramsey, il manager campione del mondo nel 1966. Colonna dell’Inghilterra di Ron Greenwood, conterà 65 presenze (e 4 gol) fino alla vigilia dei Mondiali 1982, a 35 anni. L'ultima è l’1-1 in amichevole con l’Islanda che forse gli costa l’inclusione nei 22 in partenza per la Spagna.

Ha già 14 caps invece, nel giugno 1975, quando, per 275.000 sterline (175.000 in contanti più il cartellino di Jeff Clarke) e sei anni di contratto, il Manchester City lo chiama in First Division. Alla prima stagione arriva ottavo in campionato e vince la League Cup: 2-1 sul Newcastle United, decisive le reti di Peter Barnes e Dennis Tueart, inutile quella di Alan Gowling.

Nell’autunno 1975, comincia un calvario di guai alla schiena risolti con una laminectomia il maggio successivo. In assenza di Watson, il nuovo Ct Don Revie chiama altri centrali come Phil Thompson del Liverpool e il precoce Brian Greenhoff del Manchester United.

La convalescenza gli brucia la chance di partecipare al Torneo del Bicentenario degli Stati Uniti, dove avrebbe avuto come compagno Bobby Moore e avversario Pelé, allora entrambi nella NASL, la prima lega professionistica nordamericana. Saltate anche tre qualificazioni per il Mondiale di Argentina 1978, torna a tempo pieno nel 1976-77, col City secondo in First Division, a un punto dal Liverpool campione. E la magra consolazione di un record imbattuto al club: solo tre sconfitte, contro le prime in classifica.

Titolare nelle sue quattro stagioni al Maine Road, nel 1979 transita per sei mesi al Werder Brema prima di rientrare in Football League, al Southampton, dove arriva in ottobre per 200.000 sterline. Dopo due stagioni e mezza al “the Dell”, la breve e non memorabile parentesi allo Stoke City.

Lasciato libero per via di una tournée in Sud Africa non autorizzata, e infine annullata, firma per i Vancouver Whitecaps della NASL. Una stagione al Derby County, che scende in Third Division, un’altra in America ai Fort Lauderdale Sun campioni nella II divisione della United Soccer League e l’ultima al Notts County (altra discesa dalla Second Division) prima di chiudere in non-League al Kettering Town.

Tornato nelle Midlands, vive appena fuori Nottingham, a West Bridgford, dove ha messo su una società di marketing, la Dave Watford International. Finale obbligato per uno che, in campo e fuori, ha sempre saputo vendersi bene.
Christian Giordano

Dave Watson
Difensore centrale
Stapleford, 5-10-1946

In campionato:
Club Presenze Gol
Notts County (1966-1968) 47 (3) 2
Rotherham United (1967-1971) 121 19
Sunderland (1970-1975) 177 27
Manchester City (1975-1979) 146 4
Werder Brema (Germania Ovest, 1979-80)
Southampton (1979-1982) 73 7
Stoke City (1981-1983) 59 5
Vancouver Whitecaps (Canada, NASL, 1983) 29 3
Derby County (1983-84) 34 1
Notts County (1984-85) 34 1
Totale: 720 (3) 69

In nazionale: 65 4

Palmarès:
1 FA Cup (Sunderland, 1972-73)
1 League Cup (Manchester City, 1975-76)

giovedì, aprile 15, 2010

Se son Rose, fiorirà


È nata una stella? Presto per dirlo. Per ora, se sono Rose, fiorirà: per sbocciare, però, Danny Rose ha scelto l'occasione più bella e difficile per uno del tottenham: il "north london derby" contro l'arsenal, al White Hart Lane.
Gli occhi sono ancora tutti puntati su Sol Campbell, l'ultimo grande "traditore", che al primo pallone sfiora il gol, salvato sulla linea da Assou-Ekotto, ed ecco che spunta lui, il ragazzino classe '90 che, alla prima partita in premier dopo 2 spezzoni in FA Cup, il gol lo segna per davvero. E che gol.
Dopo dieci minuti una sua invenzione sorprende tutti, a cominciare da se stesso, passando per Almunia e infine per chi più ha creduto in lui, Harry Redknapp, che dopo il gol sobbalza in panchina...
gia nazionale inglese Under 17, 19 e 21, contro l'arsenal gioca lui esterno alto a destra perché Lennon e Kranjcar sono in tribuna.
È cresciuto nel vivaio del Leeds United ed è arrivato al Tottenham nel 2006.
Dopo i prestiti al Watford e al Peterborough in seconda divisione, al White Hart Lane è tornato per restarci. Non da semplice petalo della rosa, ma da Rose, da stella. Mancini, che lo affronterà il 5 maggio e ha potuto ammirarlo solo per un tempo, è avvertito.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

lunedì, aprile 12, 2010

Un Brown Bomber coi baffi

Nella boxe dici Brown Bomber e pensi a Joe Louis, leggendario bombardiere nero aermicano re dei massimi negli anni 30-40. Nel calcio, l’unico Bomber Brown è il recordman del West Bromwich Albion per reti (218) e presenze (574) in 17 anni al The Hawthorns.

Perfetto figlio della Black Country, Anthony “Tony” Brown nasce a Oldham il 3 ottobre 1945. Carattere introverso, etica del lavoro infinita, cresce nella Manchester del dopoguerra con una forma d’asma. Per curargliela il suo medico lo incoraggia a fare sport. A 14 anni, quando Tony è già una promessa, la malattia è un ricordo.

Mezzala nella rappresentativa scolastica sia di Manchester sia del Lancashire, attira le attenzioni del City che brucia lo United.

Lui però tifa Man U e quindi prende la via dell’Old Trafford, dove però si trova davanti troppe stelle. La testa prevale sul cuore, il resto lo fa il provino al WBA. Lì nasce un amore, ricambiato, che cambierà la storia sua e dei Baggies.

Brown vi entra da amateur nel 1961, ma a causa degli infortuni è solo nel maggio 1963 che debutta nelle riserve, segnando un gol nella sconfitta per 3-2 contro il “suo” Manchester United. Professionista dalla stagione seguente, esordisce in campionato segnando il gol del pareggio nel 2-1 esterno sull’Ipswich Town.

Non contento, timbra anche nella sua prima gara al The Hawthorns, l’emozionante 4-3 sull’Aston Villa, storico rivale. È il primo passo di un cammino che ne farà il Peter Lorimer del WBA: una bandiera, ma molto meno pompata rispetto all'idolo del Leeds United.

Versatile e prolifica ala o mezzala destra, in prima squadra gioca anche da attaccante aggiunto. E dal dischetto è quasi infallibile: 51 centri su 61.

Di avere l’istinto del gol lo dimostra già nel 1964-65: 9 reti in 17 partite, compresa la tripletta al Sunderland, e tre quaterne con le riserve. La vera esplosione però si ha la stagione successiva. Titolare dal 1965 al 1979, grazie al gran tiro da fuori, letale dal limite dell’area, è ogni anno il top scorer del club. E a che medie.

Un gol a partita in campionato, che l’Albion conclude con un sorprendente sesto posto. E oltre nella League Cup 1965-66, l’ultima con la doppia finale, conquistata contro il West Ham United, vittorioso 2-1 al Boleyn Ground ma battuto 4-1 al ritorno.

Firmando la prima rete dei Baggies, stabilisce un record rimasto imbattuto: almeno un gol in ogni turno del torneo, dominato da un attacco che davanti a lui schiera il prolifico Jeff Astle e a sinistra l’ala Clive Clark e la mezzala Bobby Hope.

Superato il Walsall nel secondo turno, arrivano il 4-2 esterno sul Leeds United, il 6-1 al Coventry nel replay e il 3-1 all’Aston Villa prima dei due successi (2-1 in casa, 4-2 con altra hat-trick del nostro a London Road) sul Peterborough United in semifinale.

Brown è protagonista anche nell'edizione 1966-67, la prima con finale a Wembley, che i favoriti Baggies buttano via (3-2) contro il QPR, allora in Third Division. Delusione mitigata, l’anno dopo, dalla FA Cup: 1-0 sull’Everton ai supplementari, gol di Jeff Astle al 93’.

Proprio dalla stagione 1967-68, Brown comincia a giocare più indietro e più al centro, anche se nelle successive cinque stagioni dimostrerà di non aver perso le buone abitudini.

Persa la finale di Coppa di Lega del 1970, 2-1 dal Manchester City, si rifà con il titolo di capocannoniere (28 gol) della First Division 1970-71. E con la sua unica presenza in nazionale, 0-0 contro il Galles a Wembley il 19 maggio 1971, terminata al 72’ per far posto ad Allan Clarke del Leeds United. Pur avendo rappresentato l’Inghilterra giovanile e la Football League (contro le selezioni di lega irlandese e scozzese), con Alf Ramsey non avrà altre chance. E nemmeno coi suoi successori, che gli preferiranno Bobby Charlton, Martin Peters, Tony Currie e Colin Bell.

Con l’arrivo in panchina di Don Howe, che ha fama di difensivista, la sua percentuale realizzativa comincia a calare. Ma quando, nel gennaio 1978, a Revie subentra Ron Atkinson, Brown torna ai suoi standard: 23 gol. Nel 1978-79, con l’Albion secondo dietro il Liverpool in First Division, ne firma 14.

Il più spettacolare della carriera è forse quello in una sconfitta di FA Cup del 1970, 2-1 a Sheffield per il Wednesday: da 35 metri girata al volo all’altezza delle spalle che incenerisce il portiere della nazionale inglese Ron Springett. Quello più pesante, invece, lo riserva alla squadra della sua città, l’Oldham Athetic, e vale la promozione alla First Division nel 1976.

L’ultima di quasi 900 presenze col WBA la gioca nel 1980. Poi, in estate, sbarca ai New England (poi Jacksonville) Tea Men della NASL. Torna in Inghilterra alla fine della stagione americana del 1981. Una presenza nelle riserve dei Baggies a settembre e l’8 ottobre, dopo l’arrivo del nuovo manager Ronnie Allen, accetta la chiamata al Torquay United di Frank O’Farrell e Bruce Rioch.

Sette anni dopo il primo testimonial col WBA (fra una mista Albion-Villa e una selezione Birmingham-Wolves), in suo onore, il 7 dicembre 1981, arriva al Plainmoor il Manchester United di Ron Atkinson. Il Baffo però non è ancora da pensione: 11 gol in 45 gare di campionato e poi la discesa in non-league, agli Stafford Rangers.

Nel 1984 torna al The Hawthorns come vice del nuovo manager Johnny Giles, ma quando l’irlandese si dimette, nell’ottobre 1985, se ne va anche lui. Nel 1987-88, al Birmingham City, lo vuole come assistente Garry Pendrey, suo ex compagno all’Albion.

Dopo varie operazioni alle anche e senza più i celebri mustacchi, oggi fa presenza fissa al The Hawthorns per commentare su Beacon Radio le partite dei Baggies. Che nel 2004, in un sondaggio per il 125esimo anniversario del WBA, lo hanno nominato fra i 16 giocatori più forti nella storia del club. Scelta condivisa nel luglio 2007 dalla Professional Football Association, l’assocalciatori inglese, che per il centenario lo ha inserito nella Hall of Fame. Anche il calcio ha il suo leggendario bombardiere, ma è bianconero. O biancoblù.
Christian Giordano

Tony Brown
Mezzala/interno
Oldham (Inghilterra), 3-10-1945

In campionato:
Club Gare Gol
West Bromwich Albion (1963-1980) 561 (13) 218
New England Tea Men (1980) 31 (1) 8
Jacksonville Tea Men (1981) 32 (1) 9
West Bromwich Albion (1981) 0 (4) 0
Torquay United (1981-1983) 38 (7) 11
Stafford Rangers (1983) 10 (3) 3
Totale: 672 (29) 249

In nazionale: 1 0

Palmarès da giocatore:
1 League Cup 1965-66, 1 FA Cup 1967-68

venerdì, aprile 09, 2010

"El partido del milenio" senza Ibra né Kaká


Siam venuti fin qua per vedere segnare Kaká.
Così cantavano i tifosi del Milan alla loro stella non ancora perduta.
Così cantavano i tifosi dell'Inter al primo derby, il 29 agosto, senza il brasiliano, già vestito di blanco, e senza Ibra, che aveva già baciato la maglia blaugrana.
Senza quei due, per qualcuno, il derby di Milano non sembra più lo stesso.
Senza quei due, al Clàsico a momenti neanche se se ne accorgono.
Eppure questo 240esimo Real Madrid-Barcellona, "el partido del milenio" secondo la stampa spagnola, deciderà la Liga.
Ibrahimovic e Kaká non sono stati convocati.
Lo svedese per il fastidio muscolare alla gamba sinistra non smaltito da sabato scorso.
L'ex rossonero - che da mesi convive con la pubalgia - ufficialmente per la contrattura all'adduttore sinistro che lo tiene fermo da 30 giorni, da quella sostituzione che Pellegrini non doveva osare, nel fracaso di Champions col Lione il 10 marzo.
Assenze pesanti, ma oscurate dalla quantità di campioni in campo al Bernabéu.
Troppo facile dire Messi contro Cristiano Ronaldo, con l'argentino avanti 6 gol a 0 negli scontri diretti.
CR9 infatti non ha mai segnato al Barcellona. E allora ci proverà con Higuain, Casillas, Van der Vaart, Raul, Benzema e Guti, all'ultimo Clasico della carriera; e contro Xavi e Iniesta, Pedro e Piqué, Bojan e Busquets.
Con gente così, per una volta, Kaká e Ibra possono stare a guardare e fingere di essere quel che mai sono stati. Due come tanti.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

Il Mondiale? Non me lo merito, merito io


Sincero fino all'autopunizione. Fenomeno anche di obiettività, Ronaldo: "Per come sto giocando, non merito la convocazione. Il Mondiale resta un sogno, perché il Brasile è il mio paese, la Selecao la mia nazionale è difenderli è l'orgoglio di ogni calciatore.
Eccolo, Ronaldo. Il primo R9, l'originale. Anche nel brand.
Il prototipo del calciatore del futuro però non vive nel passato, tutt'altro. Il campione che al posto di Dunga non convocherebbe se stesso, lo ha detto in conferenza stampa per spiegare, soprattutto, che non è da lui fare pressioni sul Ct per farsi portare in Sudafrica.
"Non dico che ci ho rinunciato - si legge sull'edizione online di Lance! e Globoesporte - perché non è così, ma mi limito ad analizzare la mia situazione in modo oggettivo e a rispondere alle domande dei giornalisti.
Ho sentito parecchie voci secondo cui starei insistendo con Dunga affinché mi convochi. Ma non è vero, sono tutte invenzioni maligne. Ho sempre rispettato il ruolo del selezionatore e le sue scelte, e ho sempre ribadito che sarei stato convocato solo se me lo fossi meritato".
Ronaldo si è tolto un peso, ma è proprio su quello, il peso, che poi perde la calma.
"E' ora di finirla. Non so quanto peso adesso, e questa storia mi ha stufato. Sono così traumatizzato che non salgo più sulla bilancia. Sono tutte invenzioni, non è il peso a condizionarmi. L'anno scorso non mi pare abbia influito sulle mie prestazioni", ha concluso.
E neanche in quelle del Corinthians, che trascinato dai suoi gol (20 in 30 partite) ha conquistato il titolo paulista e un posto in Copa Libertadores, la Champions sudamericana. Nel 2010, sono 3 in 9 partite. Troppo pochi per vedere in Sudafrica il top scorer di sempre ai Mondiali: 15 reti in 4 edizioni. E il primo a saperlo è lui, Il Fenomeno vero. L'originale.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

http://video.msn.com/?mkt=pt-br&playlist=videoByUuids:uuids:e09f46c5-4606-4f93-b6da-19816f26ca30&showPlaylist=true&from=IV2_pt-br_lancenet&fg=lancenet

giovedì, aprile 08, 2010

El Clásico y el Cruijffismo


Nel Clásico, c'è molto più del calcio. Ogni Real Madrid-Barcellona, e sabato sera più che mai, non è solo il derby di Spagna, la Catalogna libera contro il club che fu caro a Franco. E' uno scontro di filosofie, di identità.
Al Camp Nou, nessuno lancerebbe mai slogan tipo "Ibras y Pedroes". Gli "Zidanes y Pavones" sono un'ideologia marketizzabile solo al Real Madrid. Al Barça, dove il catalanismo è la prima fede, quel principio ce l'hanno nel dna: assi stranieri sì, purché innestati in un tessuto locale.
Alla politica dei rivali, dopo lo storico Triplete, s'è convertito persino Pérez. Per il suo secondo "FlorenTeam" ha barcellonizzato il Real dei Galácticos: 254 milioni di euro per amalgamare la crema del calcio mondiale (Cristiano Ronaldo, Kaká, Benzema) con prodotti spagnoli DOP (Raul Albiol, Arbeloa, Xabi Alonso). Ma con almeno due differenze.
La prima è che il Barça i suoi talenti se li alleva alla Masia, dove i Fabregas che "scappano" sono l'eccezione, mai la regola.
La seconda, anche oggi, la fa il Cruijffismo. La sottile linea blaugrana tramandata dal grande Johan, al suo primo Clásico da presidente onorario, fino a Guardiola, dagli Under 16 alla prima squadra: 4-3-3 e futbol tiki-taka. «Lo stile che dà al Barcellona un'identità. E che il Madrid deve ancora trovare». Parola di Zidane.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

Niente semifinali, siamo inglesi


Allora: ci sono uno spagnolo (anzi: catalano), un tedesco, un francese e un italiano. Sembra l'attacco della solita barzelletta, invece sono i 4 club - Barcellona, Bayern, Lione e Inter - più grandi d'Europa, quelle arrivate in semifinale di Champions League.
Per la prima volta dopo 7 anni senza un'inglese. Gli stessi anni di assenza per l'italiana che quel trofeo lo insegue da 45.
Nelle ultime tre Champions le inglesi in semifinale sono sempre state tre, con Milan e due volte Barcellona come quarto incomodo.
L'ultima volta senza tre semifinaliste inglesi, nel 2007, vinse un'altra italiana, il Milan, campione anche nel 2003, l'anno delle tre italiane su quattro: Milan-Juventus finaliste all'Old Trafford, Inter eliminata nel derby di semifinale.
L'ultima volta con 4 semifinaliste di 4 nazioni diverse, nel 2004, vinse il Porto di Mourinho. In finale contro una francese. E potrebbe succedere ancora...
Se la cabala vuol dire qualcosa, i tifosi dell'Inter possono già fare gli scongiuri, perché sulla via di Madrid, per la finale vera di sabato 22 maggio, c'è l'ostacolo più alto: i campioni di Super Messi, visto che il Lione non è mai stato fra le prime 4 d'Europa e il Bayern vi mancava dal 2001, l'anno del suo ultimo successo, a Milano ai rigori contro il Valencia.
Una sfida nella sfida quella fra Mou e Van Gaal - entrambi alla terza semifinale con tre club diversi.
Nella speranza che fra un francese, olandese, uno spagnolo (anzi: catalano), a ridere per ultimo sia il portoghese.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

domenica, aprile 04, 2010

Macché Blanc o Benítez, il resto Mancio


La Juventus che scende in picchiata come il morale di Bettega e Blanc (da destra nella foto), inteso come Jean-Claude, ha avuto un effetto nefasto anche su Blanc, inteso come Laurent, più conteso del calcio europeo.
In pochi giorni, il suo Bordeaux dei miracoli rischia di perdere tutto: la corsa a tre con Lione e Montpellier per il titolo in Ligue 1 e i quarti di Champions nel retour-match di mercoledì, in casa contro l'Olympique.
Ma se scendono le azioni di Blanc, pallino di Moratti che gli dava del lei già da quando il francese era un suo giocatore, salgono, e forse non solo in ambiente Juventus, quelle di Roberto Mancini, che la vigilia di Pasqua, vinceva 5-0 già dopo 45' al Turf Moor contro il Burnley, alla fine battuto 6-1. Il suo Manchester City adesso è quarto a +1 sul Tottenham e come gli Spurs ha una partita da recuperare.
Ma se sfumasse Prandelli, che ha detto di voler restare a Firenze, Bettega e Blanc potrebbero tornare al primo amore, quel Rafa Benítez che a Birmingham, sponda City, potrebbe aver perso le ultime speranze di riportare il Liverpool in Champions.
Dovesse centrare la qualificazione, dopo un'annata disastrosa su tutti i fronti - in Premier come nelle coppe -, potrebbe essere l'uomo giusto per la rinascita di una Juventus che sogna ancora la Champions, ma rischia persino la Europa League.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

Carletto vs Fergie, non c'è due senza tre


Un uomo finalmente solo al comando, felicissimo di esserlo, anche se il fairplay gli impone di non darlo troppo a vedere.
Sorpasso doveva, voleva essere. E sorpasso è stato.
Ancelotti batte per la terza volta su tre, la prima all'Old Trafford, Ferguson e lo stacca nella corsa alla Premier.
Un allungo forse decisivo anche se il traguardo resta lontano 5 partite.
Carletto sorprende tutti, forse anche Sir Alex: Drogba va in panchina per pubalgia. Al suo posto, Anelka punta centrale con due ali di ruolo: lo straripante Malouda di questo periodo e Joe Cole.
Fergie senza Rooney lascia in panca Nani, spiazzando così il suo ex vice Queiroz, il Ct del Portogallo in tribuna accanto a Eriksson, neoCt della Costa d'Avorio e Baldini, general manager dell'Inghiltera di Capello.
Dopo 20', Malouda s'invola a sinistra e Joe Cole infila di tacco Evra e Cech come Del Piero col Dortmund nella finale di Champions '97.
Nella ripresa, Ferguson azzecca i cambi ma troppo tardi, perché Ancelotti lo brucia. Al 70' Carletto chiama Drogba per lo spento Anelka. Nove minuti dopo, Didier raddoppia un metro in fuorigioco (nella foto).
Altri due minuti e sue assist di Nani trova il gol, il terzo con quella maglia, un altro appena entrato: è Kiko Macheda, al suo secondo spezzone consecutivo in campionato dopo l'infortunio.
L'assalto finale del Man U produce solo la terza occasione pulita di Berbatov, ma Carletto - come il suo trench impeccabile - non fa una piega. Chelsea a +2 dal Man U, che mercoledì col Bayern rischia la Champions. Senza Rooney che ha lasciato le stampelle, anche Ferguson è un uomo solo. Ma non più al comando.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

venerdì, aprile 02, 2010

Man Utd-Chelsea, big-match più che decisivo


Importante, ma non decisivo questo Manchester United-Chelsea.
A forza di sentirselo ripetere viene quasi voglia di crederci.
In realtà, una bella fetta della Premier si assegnerà eccome all'Old Trafford. Davvero il "Teatro dei sogni" per lo United che qui ha vinto 14 partite su 16, pareggiato con il Sunderland e perso con l'Aston Villa. Le squadre alle quali Ancelotti ha servito il settebello, sempre a Stamford Bridge e senza Drogba.
Stavolta invece l'ivoriano - 24 reti in campionato - ci sarà, ma all'Old Trafford - dove Carletto nel 2003 vinse la sua prima Champions da allenatore - non sfiderà Rooney, 26 gol in 29 partite in Premier, colpito ma non affondato dalla maledizione inglese che bersaglia le stelle dell'Inghilterra prima di ogni mondiale.
Al big-match lo United arriva primoa +1 sui Blues, che qui vinsero l'ultima volta nel recupero del 10 maggio 2005, 3-1 per Mourinho già campione.
Il Chelsea con il miglior attacco davanti al Man U e +2 nella differenza-reti rispetto ai campioni.
Campioni che daranno un'altra chance a Berbatov dopo la doppietta al Bolton, e la seconda panchina consecutiva a Macheda, che contro i Wanderers ha giocato i suoi primi 5' in Premier dopo l'infortunio.
Ancelotti non avrà Essien, Bosingwa, Ashley Cole, Ivanovic e Carvalho. Ma quest'anno ha già battuto Ferguson due volte su due. Nel Community Shield a Wembley e all'andata a Stamford Bridge. A sei turni dalla fine, un "non c'è due senza tre" sarebbe "molto, molto importante". E forse decisivo.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO

giovedì, aprile 01, 2010

Ribelli anche senza causa


Il 14 gennaio 2010 è morto Dennis Stock, il fotoreporter che più di tutti fece di James Dean l’icona della Gioventù bruciata, dei Rebels Without a Cause, ribelli senza causa. Sotto la poggia a Times Square a New York, mani in tasca e sigaretta a mezza bocca, avvolto nel trench nero come a proteggersi dal mondo. Ritratto di un’epoca ripreso da Bill Sumner per John McEnroe, sportivo ribelle per antonomasia, che in scarpe da tennis gli fa il verso per la copertina della sua autobiografia, You Cannot Be Serious.
Si fosse occupato di calcio, a Dennis Stock sarebbe piaciuto immortalare questi cento piccoli o grandi mcenroe del pallone. Ribelli con (o per) una causa, ma anche senza.


100 Helmut DUCADAM
Romania - 1-4-1959 - Portiere

Vive con 150 euro d’invalidità al mese, ma a paralizzargli la mano destra fu una caduta, non Nicu Ceausescu a revolverate per la Aro rossa usata che il regime donò all’Eroe di Siviglia (4-rigori parati al Barcellona, Coppa dei Campioni ’86 allo Steaua). Falso storico.

99 Taribo WEST
Nigeria - 26-3-1974 - Difensore

A Kanchelskis quasi spezza la carriera. Treccine colorate, pastore pentecostale della chiesa Shelter in the Storm, da lui fondata alla periferia di Milano, all’Inter dice a Lippi: «Dio mi ha detto che devo giocare». Marcello: «Strano, a me non ha detto niente». Miracolato.

98 Pedro “Perucho” PETRONE
Uruguay - 11-5-1905/13-12-1964 - Attaccante

Amava il tango e la vita comoda, meno la cucina italiana. Al secondo anno in viola, rompe con Felsner che lo schiera ala destra. Multa di 2.000 lire e fuga notturna per tornare in Uruguay. Rientrato a Firenze, festa al Teatro Verdi. Ma non è più lui. Artillero.

97 Stefan EFFENBERG
Germania - 2-8-1968 - Centrocampista

In “Ve l’ho fatta vedere a tutti” narra di alcool, droga, sesso (si separa e sposa Claudia, la moglie di Strunz), multe e idee: sì alla pena di morte, no al sussidio disoccupazione. Dito medio ai tifosi contro la Corea del Sud a Usa 94 e addio nazionale. “Affanberg”.

96 Adrian MUTU
Romania - 8-1-1979 - Attaccante

La coca al Chelsea e il risarcimento da 17 milioni. Talento smisurato che Moggi “scippa” per la Juve, alla Fiorentina diventa Fenomeno. Lui vuole la Roma, Prandelli si impunta e gli toglie la fascia. Ci ricasca col dimagrante romeno e con l’agente Becali. Sprovveduto

94 Jean-Marie PFAFF
Belgio - 4-12-1953 - Portiere
La fuga dal ritiro della nazionale vestito da infermiere, la mela lanciatagli dagli spalti e mangiata appoggiato al palo, la divisa rosso fuoco in omaggio a Kelly LeBrock. “Overleven” (Sopravvivere) la biografia, “De Pfaffs” il reality che oggi gli dà fama. Clown.

93 MIDO
Egitto - 23-2-1983 - Attaccante

Nell’Ajax, Ibra lo scoprivano andando a vedere lui. Poi l’involuzione irreversibile: Marsiglia, Celta, Roma, la Premier. Esuberante, timido e nervoso, da idolo nazionale (matrimonio da star in diretta tv) a reietto: il Ct Shehata convoca solo islamici osservanti. Infedele.

92 Mario BASLER
Germania - 18-12-1968 - Centrocampista

Piede (destro) morbidissimo, modi ruvidi. «Un’auto distrutta appena riverniciata», disse del nuovo taglio di capelli di un compagno. Nel novembre 1999, rissa notturna in un bar di Monaco. Con birra e tabacco un must del “Super Mario” originale. Tetesco di Cermania.

91 Patrick KLUIVERT
Olanda - 1-7-1976 - Attaccante

Nel “caso O. J. Simpson olandese”, 240 ore di lavori sociali (in un ospizio) per l’omicidio colposo di Marten Putman: eccesso di velocità nell’incidente causato ad Amsterdam il 9 settembre 1995. Nel 1997 accusa di stupro archiviata per mancanza di prove. Jellato?

90 Francisco Ramón LOJACONO
Argentina - 11-12-1935/19-9-2002 - Centrocampista

Baggio ante-litteram per ruolo (nove e mezzo) e punizioni, genio e sregolatezza per le donne: la storia con Claudia Mori fece epoca. Morte sospetta per Guariniello, che un anno dopo indagò sulle Sla di ex Samp: Cucchiaroni, Ocwirk, Vincenzi, Matteucci. Romantico.

89 Fernando COUTO
Portogallo - 2-8-1969 - Difensore

Carattere focoso (eufemismo), fortissimo nello stacco. Espulsioni collezionate come serate al night, fra champagne e sexy-cameriere in topless. Squalificato 10 mesi (poi ridotti a 4) per nandrolone nel 2001, si è sempre professato innocente. Fumantino.

88 Roberto “Bob” VIERI
Italia - 14-2-1946 - Attaccante

I figli, Christian e Max, due arieti. Lui, mingherlino, calzettoni alla Sivori, un “10” tutto estro e dribbling. Figlio dei fiori anni 60, capelli lunghi, a fine carriera la barba. Emigra in Australia, al Marconi Sydney, anche lì classe e invenzioni, ma poca costanza. Etereo.

87 Tony CURRIE
Inghilterra - 1-1-1950 - Centrocampista

Il bacio con Alan Birchenall in Sheffield Utd-Leicester dell’aprile 1975 è diventato un’icona gay, il manifesto di un’epoca. E la cover di “Mavericks”, il libro di Rob Steen sulla generazione di Bowles, Currie, George, Hudson, Marsh, Osgood, Worthington. Idolo.

86 Walter ZENGA
Italia - 28-4-1960 - Portiere

Bearzot lo chiama in nazionale, lui è con Marina Perzy. Istrione naturale, con Tacconi l’ultimo dei “portieri matti” e personaggi. Contro Dahlin, ci rimette il naso. Postino dalla De Filippi, si “riabilita” da allenatore vincente a Est e al Catania. Bauscia.

86 Mágico GONZÁLEZ
El Salvador - 13-5-1958 - Attaccante

«Non sono un santo, mi piace la notte e la voglia di far baldoria non me la toglie neanche mia madre. Sono un pessimo professionista. Non penso al calcio come a un lavoro. Gioco per divertirmi». E, al Cadice, nel 1986, per 700 dollari a partita. Edonista.

85 Mario BOYÉ
Argentina - 30-7-1922/21-7-1992 - Ala

Tecnica, forza fisica e scatto bruciante, El Atomico o el Matador sbarca dal Boca al Genoa nell’estate 1949. Segna 12 gol in 18 gare di campionato, ma la sua giovane signora ha nostalgia di Baires e lo convince a una rocambolesca fuga nella notte. Effimero.

84 Jimmy GREAVES
Inghilterra - 20-2-1940 - Attaccante

Il più prolifico bomber nella storia della First Division, ma troppo inglese. Gelosissimo della moglie, al Milan segna 9 gol in 10 gare ma non si ambienta. Prima della Juventus, sfuriata negli spogliatoi: fuori squadra. Tornato in patria, altra vittima dell’alcool. Insicuro.

83 Lennart SKOGLUND
Svezia - 24-12-1929/20-7-1975 - Ala

«Certi suoi colpi non li aveva neanche Pelé» racconta Brighenti, che all’Inter scarrozzava Nacka ubriaco all’allenamento. L’unico dribbling mai riuscitogli fu alla bottiglia. In Katarina Bangata-Brannerigatan, il monumento alla grandezza sprecata. Fragile.

82 Denis LAW
Scozia - 24-2-1940 - Attaccante

Contro la famiglia, lasciò scuola e rugby per il calcio. Le prime scarpe, usate, a 14 anni da un vicino. L’Inghilterra mondiale nel 1966? «Il giorno più brutto della mia vita». Dopo l’incidente d’auto con Joe Baker, lasciò il Torino per il Man Utd. Diavolo rossiccio.

81 Christian “Bobo” VIERI
Italia - 12-7-1973 - Attaccante

«Sono più uomo io di tutti voi messi insieme», a Euro 2004, per la notizia del suo presunto litigio con Buffon. Mister 90 miliardi (dalla Lazio all’Inter), le Veline in fotocopia, mille squadre e gol. Sbotta per i termo bollenti di Appiano e il pedinamento Telecom. Rustico.

80 Gianfranco ZIGONI
Italia - 25-11-1944 - Ala/attaccante

Sotto la pelliccia, il petto villoso e la pistola. Sopra, il cappello da cowboy. Così va in panchina al Verona, per scommessa con 5 compagni. «Alla Juventus, mai abituato al taglio dei capelli, alle telefonate alle 10 di sera. Un campo di concentramento». Dio Zigo.

79 AMARILDO
Brasile - 29-6-1936 - Attaccante

Prima c’era Lorenzi, poi vennero Sivori e lui, “el Garoto”, il Ragazzo: 32 giornate di squalifica, record italiano. Carattere irrequieto, non riesce resistere alle provocazioni. Dopo l’ennesimo lungo stop andò alla Roma, poi tornò a vivere a Firenze. Ingenuo.

78 EDMUNDO
Brasile - 2-4-1971 - Attaccante

Il Carnevale come clausola nel contratto. O’Animal aveva le sue priorità. Nel 1998-99, la Fiorentina è campione d’inverno, ma lui vola a Rio e addio scudetto. In auto: omicidio colposo nel 1995 e meno 219 punti dalla patente, ritirata fino al 2011. Sciagura.

77 DOMINGOS da Guia
Brasile - 19-12-1912/18-5-2000 - difensore

Detto “la Sfinge” per la freddezza dello sguardo o il Divin Maestro, fu uno dei primi brasiliani a espatriare (Nacional Montevideo, Boca Jrs), sposò una ballerina francese che gli diede Ademír da Guia, centrocampista mulatto e biondo stella del Palmeiras. Pioniere.

76 Bernd SCHUSTER
Germania - 22-12-1959 - Centrocampista

L’Angelo biondo. In campo e fuori, un diavolo. Europeo e vice-Pallone d’oro nell’80, salta l’Albania per il secondo figlio e il Brasile per il no del Barça. Litiga con Dfb, Ct (Derwall) e Breitner: addio nazionale a 24 anni. Passa al Real e all’Atlético. Traditore tradito.

75 Gerd MÜLLER
Germania - 3-11-1945 - Attaccante

Al Bayern segna come nessuno e vince tutto. Nel ’73 il Barcellona lo vuole in coppia con Cruijff, la Dfb dice no. «Vi regalerò il mondiale, poi non metterò più piede in Nazionale». Fatto. Il divorzio e l’alcool, poi Beckenbauer lo salva affidandogli le giovanili. Bomber fragile.

74 Johan CRUIJFF
Olanda - 25-4-1947 - Attaccante

«Non puoi più pulire i gradini, sei la madre di Cruijff». Genio arrogante e ribelle, in campo aveva sempre ragione lui. Fuori, pure. Arbitri a parte. Al Mondiale 74 in maglia con sole due strisce per sponsor. Calcio totale all’Ajax e Dream Team Barça? Tutta roba sua. Profeta.

73 Paolo DI CANIO
Italia - 9-7-1968 - Ala/Centrocampista

Arruffapopolo col braccio destro alzato. Idolo d’Inghilterra che al West Ham rinuncia al quasi-gol per far soccorrere il portiere Gerrard Il “villain” che spintona a terra il goffo arbitro Allcock. Di Canio è uno e trino, Dr Jekyll e Mr Hyde di pura lazialità. Paolo il caldo.

72 Zlatan IBRAHIMOVIC
Svezia - 3-10-1981 - Attaccante

Il mal di pancia telecomandato da Raiola, il Moggi già “appestato” invitato a casa, il gesto volgare alla mai “sua” curva Nord. Ribelle con la stampa e botte coi compagni (van der Vaart, Zebina), pantofolaio tutto casa e famiglia fuori del campo. Ego Moderno.

71 ADRIANO
Brasile - 17-2-1982 - Attaccante

L’alcool e le feste ma anche l’infanzia nelle favelas, la perdita del padre, il pugno galeotto a Gastaldello e la manina furbetta nel derby, la fuga in Brasile, l’auto presa a sassate dalla fidanzata di turno, gli ammiccamenti a un ritorno in Europa. Imperatore esautorato.

70 Rodney MARSH
Inghilterra - 11-10-1944 - Attaccante

Altro maverick anni 70. «Io non sono il Pelé bianco, è lui il Marsh nero». Ramsey in nazionale: «Se non t’impegni, ti tolgo all’intervallo». «Ma Alf, al Man City ci danno arancia e tazza di tè». Mai più convocato. A Sky scherza sullo tsunami: licenziato. Unico.

69 Lamberto BORANGA
Italia - 30-10-1926 - Portiere

Dottore in biologia e in medicina, medico di professione, auspica l’esame tricologico anticoca. A Reggio Emilia, non riesce a dormire e va al bar in vestaglia. “Il cappotto spagnolo”, invece, è la biografia. In porta e in pista (salto triplo) anche a 67 anni. Il bilaureato.

68 Ezio VENDRAME
Italia - 21-11-1947 - Centrocampista

Poeta maledetto. L’orfanotrofio. In tribuna, consumò all’intervallo. Col Padova, 0-0 sicuro, dribblò tutti e tornò indietro: un tifoso morì d’infarto. In cerca di compagni liberi, salì sulla palla e scrutò l’orizzonte. Come rimpianto, il tunnel a Rivera. Anticonformista.

67 Jim BAXTER
Scozia - 29-9-1939 - Centrocampista

Tre bottiglie di Bacardi al giorno, donne in proporzione. “Slim Jim”, due trapianti di fegato in quattro giorni a 55 anni, era immune al settarismo: lui dei Rangers nel Celtic era amico di Billy McNeill, Pat Crerand e Mike Jackson. Coraggioso.

66 Mané GARRINCHA
Brasile - 28-10-1933/20-1-1983 - Ala

Il canarino liberato come premio-Mundial. Una finta, sempre la stessa, al destino: un QI da bambino di 4 anni, la poliomelite che gli fa più corta una gamba. Figli sparsi come bottiglie, la morte in povertà in ospedale psichiatrico, più amato di Pelé. Alegria do Povo.

65 Roberto BAGGIO
Italia - 18-2-1967 – Attaccante

«Questo è pazzo» a Sacchi che lo toglie in 10 contro la Norvegia. Ulivieri lo mette in panca, e Bologna ancora ne parla. Spia in spogliatoio per Lippi? No, grazie: e la “Porta nel cielo” vende 200 mila copie. Il rigore rifiutato e la sciarpa raccolta. Piccolo Buddha.

64 Giorgio “Long John” CHINAGLIA
Italia - 24-1-1947 - Attaccante

A 6 anni emigra con al collo l’indirizzo della famiglia: Cardiff, Galles. La lazialità incarnata, lo doma solo Maestrelli. Al Mondiale 74, contro Haiti, “vaffa” in mondovisione al Ct Valcareggi per il cambio con Anastasi. Ribelle ai Cosmos e alla legge. L’Amerikano.

63 Zinédine “Zizou” ZIDANE
Francia - 23-6-1972 - Centrocampista

Colpi di classe, e di testa: a Kientz (frattura allo zigomo) in Juve-Amburgo di Champions 2000, a Materazzi a Berlino 2006, 12° rosso in carriera: «Meglio morire che chiedergli scusa». Al processo per farmaci, ammette imbarazzato l’uso di creatina. Timidone.

62 Gianluca VIALLI
Italia - 9-7-1964 - Attaccante

In campo fame proletaria, fuori l’aplomb e l’edonismo da rampollo della Cremona-bene. L’elicottero di Berlusconi funziona con Lentini, con lui no: «Milanello? Meglio il mare di Nervi». Londinese d’adozione, oggi analyst pendolar-chic per Sky. Gol & the City.

61 Ezio PASCUTTI
Italia - 1-6-1937 - Attaccante

Mosca, 13 ottobre 1963: Urss-Italia 2-0, in piena Cortina di ferro. Dubinski da dietro alla gamba operata, lui mostra il pugno, sceneggiata del russo, all’azzurro espulsione e ignonimia, fischi in ogni stadio e un futuro indigente. Per un pugno e senza dollari.

60 Antonio Valentin ANGELILLO
Argentina - 5-9-1937 - Attaccante

Con Maschio e Sivori, uno degli “Angeli dalla faccia sporca”. 33 gol in 33 partite nel 1958-59, record imbattuto in A, poi perde la testa per la ballerina di night club Attilia Tironi, in arte Ilya Lopez, il Mago Herrera non perdona. Lui neanche. Ribelle per amore.

59 Faustino “Tino” ASPRILLA
Colombia - 10-11-1969 - Attaccante

A ogni viaggio in patria un guaio: la rissa col conducente di autobus e la gamba fra le portiere, il revolver per festeggiare il Capodanno o “stimolare” i compagni in allenamento. A Parma, il divorzio per la storia-bufala con la pornostar Petra Scharbach. Casinista.

58 Gheorghe “Gica” HAGI
Romania - 5-2-1965 - Centrocampista

Alla Steaua di Ceausescu, in prestito forzato, è “Il Maradona dei Carpazi” per il mancino, il 10 e l’indole rissosa e arrogante. Nel 1999 “esonera” il Ct Piturca per il più morbido Ienei. A Euro2000, fa saltare a Conte i legamenti della caviglia destra. Il fiero dell’Est.

57 Hristo STOICHKOV
Bulgaria - 8-2-1966 - Attaccante

Maresciallo d’onore dell’esercito, al Barcellona si scorna con Cruijff che nel 1995 lo spedì al Parma. Radiato al CSKA per la rissa col Levski dell’85, fu graziato dal Partito per averlo Usa 94. Il pestone all’arbitro Urízar Azpitarte? Normale amministrazione. L’Eletto.

56 Robbie FOWLER
Inghilterra - 9-10-1975 - Attaccante

Le terga al poco virile LeSaux. La “sniffata” post-rigore all’Everton. L’amplesso con Joe Belotti, moglie del dg del Brighton, nella toilette del Grand Hotel all’addio di Jimmy Case. La T-shirt (sponsorizzata CK) per i 500 portuali licenziati a Liverpool. Idolo e folle.

55 Christian PANUCCI
Italia - 12-4-1973 - Difensore

Pupillo di Capello, ne possiede le asperità caratteriali. L’antipatia, reciproca, con Lippi. La panchina rifiutata nella Roma di Spalletti a Napoli. La rissa con Preziosi per il Genoa sfumato senza una telefonata, l’addio «per motivi personali» al Parma. Spirito libero.

54 ROMÁRIO
Brasile - 29-1-1966 - Attaccante

I ritardi dal Brasile e le panchine punitive nel Barcellona di Cruijff, il debole per la movida notturna e l’idiosincrasia agli allenamenti. Zico e Zagallo dipinti sulle porte dei bagni nel suo locale “Bar del gol” per la mancata convocazione a Francia 98. Baixinho anche di modi.

53 Claudio Paul CANIGGIA
Argentina - 9-1-1967 – ala/attaccante

I vizi? La coca, e auto veloci come lui. All’Atalanta, liberi lunedì e martedì. A Montecarlo. Il mercoledì, sveglia alle 6.30: Principato-Bergamo in due ore e mezza, in Porsche, a 240 km/h. La gara più bella? Con Doni nel 2000. Bacio-choc con Diego. Figlio del vento.

52 Hugo Orlando “el Loco” GATTI
Argentina - 19-8-1944 - Portiere

A Maradona: sei un barilotto, non mi fai gol; saranno 4. Criticato, lascia la Selección e Fillol vince il Mundial; e l’Argentina perché, col tifo Boca peronista, sostiene Alfonsín. Gli tirano una scopa, e ci spazza l’area. Non arriva una palla, e si siede sulla traversa. Indio.

51 René HIGUITA
Colombia - 26-8-1966 - Portiere

Il “Colpo dello scorpione” (all’inglese Redknapp nel 1995) metafora di una vita sottosopra: infilato dal camerunese Milla a metà campo a Italia 90, la coca, i 7 mesi di carcere per mediazione in un sequestro. I 5 lifting per il reality Cambio extremo l’ultima maschera. Fiction.

50 John TERRY
Inghilterra - 7-12-1980 - Difensore

12 settembre 2001: al Posthouse hotel di Heathrow, ubriaco con Gudjohnsen, Lampard e Morris diede scandalo davanti agli americani bloccati in aeroporto per l’attentato alle Twin Towers. Il caso Perroncel-Bridge? Si sarà imborghesito. Capitan Fracassa.

49 Stan BOWLES
Inghilterra - 24-12-1948 - Centrocampista

L’archetipo dei mavericks, i cavalli pazzi del calcio inglese anni 70. “Stan The Man”, Mancunian destinato alla mala, in Sunderland-QPR 1972-73 per scommessa butta giù la FA Cup dei Black Cats. L’invasione finisce su News at Ten, il tg delle 22. Genio sprecato.

48 Sándor KOCSIS
Ungheria - 21-9-1929/22-7-1979 - Attaccante

Di testa segnò circa metà dei suoi gol 75 gol (in 68 gare) con la grande Ungheria. Transfuga (in Svizzera e al Barcellona) come molti compagni della Honvéd dopo Budapest ’56, si suicida perché ha un cancro allo stomaco e la leucemia. Dignità al potere.

47 Eduard STRELTZOV
Russia - 21-7-1937/20-7-1990 - Attaccante

Il Pelé russo. Bandiera della Torpedo Mosca, oro a Melbourne 56. Capelli lunghi in piena Cortina di ferro. Il tacco “alla Streltztov”. I rifiuti a CSKA e Dinamo, il no al matrimonio con «quella scimmia», la figlia di Yekaterina Furtseva. Il gulag. Il mito. L’uomo soggetto.

46 George WEAH
Liberia - 1-10-1966 - Attaccante

Sei giornate di squalifica per l’aggressione a Jorge Costa negli spogliatoi dopo Porto-Milan del 20 novembre 1996. Nella sua Liberia, gioca stopper e paga maglie, vitto e trasferte. Poi, senza istruzione, si candida presidente. Perde, ma resta idolo. Monumento.

45 Marco MATERAZZI
Italia - 19-8-1973 - Difensore

Il pugno a Cirillo, le entrate allo stomaco su Sheva, la provocazione a Zidane, il rigore-flop col Siena. “Prodezze” pagate con fischi in tutta Italia e offese alla madre perduta da ragazzo. Smoking bianco per lo scudetto. I “consigli” a Balotelli. Delirio da superpotenza.

44 Roberto MANCINI
Italia - 27-11-1964 – Attaccante/centrocampista

Il Cruijff italiano, in campo e in panca. Non lecca e ne sa troppo, i giornalisti rosicano, lui va in barca. Incompiuto in azzurro: a NY esce di nascosto, Bearzot aspetta le scuse e non lo chiama più. In gol a Germania 88, urla «bastardi» alla tribuna stampa. Bimbo forever.

43 Zdenek ZEMAN
Repubblica Ceca - 12-5-1947 - Allenatore

«Il calcio deve uscire dalle farmacie», l’intervista-choc a l’Europeo nel 1998. Moggi alza la paletta. Del Piero e Vialli gliela giurano giurata, Lippi pure: o stai nel sistema o te ne vai. Il suo 4-3-3 fa scuola in attacco e scempi in difesa. Mai banale. Controcorrente.

42 Robin FRIDAY
Inghilterra - 27-7-1952/22-12-1990 - Attaccante

Setters, trainer del Reading (quarta serie): «Se ti togli dalla testa alcool, droga e donne, in tre anni sarai capitano dell’Inghilterra». Friday: «Ho metà anni di te, e vissuto il doppio». “Il più grande mai esistito” morirà per infarto da overdose a 38 anni. Jim Morrison.

41 Paolo SOLLIER
Italia - 13-1-1948 - centrocampista

«Calciatore per caso» (cfr. se stesso), “Ho chi min” (per il marxismo d’inizio carriera) racconta la sua militanza in Avanguardia Operaia nel libro “Calci e sputi e colpi di testa” del 1976. In copertina, il celebre saluto col pugno chiuso ai tifosi del Perugia. Compagno.

40 Craig BELLAMY
Inghilterra - 13-7-1979 - Attaccante

In Algarve col Liverpool, Riise rifiuta il karaoke e lui lo aggredisce con una mazza da golf. In Champions, segna ed esulta col norvegese mimando il putt. Una sedia contro Carver, vice di Bobby Robson al Newcastle. Terry-Bridge? «Tutti sanno com’è JT». Killer instinct.

39 Edgar DAVIDS
Olanda - 13-3-1973 - Centrocampista

Mela marcia al Milan (cfr. Costacurta), la squalifica per doping (evitabili, dato il glaucoma), le multe nella Juve moggiana. E le denunce per minacce e maltrattamenti da parte della compagna Sarah Hagens. Guerriero in campo e, purtroppo, fuori. Pitbull.

38 István (Stefano) NYERS
Francia/Ungheria - 25-3-1924/9-3-2005 – Attaccante/ala

Nato in Francia da famiglia ungherese, visse da giramondo, con Herrera procuratore. A inizio 1952-53 chiede più soldi e l’Inter lo mette fuori rosa. Il presidente Masseroni, pur di fargli giocare il derby, cede: Nyers-Milan 3-0. Morì malato e povero. Apolide.

37 Dominique ROCHETEAU
Francia - 14-1-1955 – Attaccante/ala

Simbolo del Saint-Étienne, genio capellone, anticonformista, amante di Sartre, sinistroide, poeta del virtuosismo. Mai gialli né rossi, nonostante le botte. La differenza con Platini? Le ginocchia di cristallo. Incompiuto che mise a sedere Beckenbauer. Angelo verde.

36 Gianni RIVERA
Italia - 18-8-1943 - Centrocampista

Alla Domenica Sportiva sistemò così Lo Bello e la “Fatal Verona”: «La palla è rotonda, ma rotola sempre dalla stessa parte». Con Padre Eligio, fece la guerra a Buticchi che voleva cederlo al Torino. Milanista del secolo? Berlusconi sceglie Baresi. Abatino a chi?

35 Lothar MATTHÄUS
Germania – 21-3-1961 - Centrocampista

Testa calda da sempre, in campo vinceva da solo. Fuori, è più difficile. Il punto più basso, la telerissa con l’odiato Klinsmann nel 1995. Soubrette cambiate come calzini, e la panchina che non arriva. Al Bayern e in federazione, è persona non grata. Cercasi futuro.

34 Cristiano LUCARELLI
Italia - 4-10-1975 - Attaccante

L’atto sessuale mimato con la maglia il 29 maggio 2004, a Piacenza, dopo il gol che riportò in A il Livorno: “Tenetevi il miliardo”. Le idee di sinistra. La T-shirt col Che in Under 21 e l’ostracismo azzurro. Il flop col Corriere. L’amore-odio con Spinelli. Bandiera.

33 Benito “Veleno” LORENZI
Italia – 20-12-1925/3-3-2007 - Attaccante

Chiamò Boniperti “Marisa” (per la chioma), e in un derby infilò mezzo limone sul dischetto al milanista Cucchiaroni: palla fuori sei metri, e fuga negli spogliatoi inseguito dai tifosi. Cattolico devoto, saltò solo una messa (in un paesino siciliano senza chiesa). Pio.

32 Antonio CASSANO
Italia - 12-7-1982 - Centrocampista

Infanzia a Bari Vecchia, le Cassanate (copyright di Capello) alla Roma. «Adesso si respira aria pulita», il tackle di De Rossi sull’ex compagno fuggito senza salutare. Meteora al Real, croce e delizia Samp. Tabù azzurro di Gentile e Lippi. “Beri” per sempre.

31 Vinnie JONES
Galles - 5-1-1965 - Centrocampista

Gli attributi strizzati a Gascoigne, ruoli da duro negli action-movie di serie B. Ma anche il Wimbledon della “Crazy gang”, le 12 espulsioni (secondo solo a Roy Keane, 13), il video Soccer’s Hard Men: multa di 20.000 sterline e squalifica per 6 mesi. Il brutto e il cattivo.

30 Patrick VIEIRA
Francia - 23-6-1976 - Centrocampista

Picchiatore indefesso, provocatore e/o provocato. Nel tunnel prima di Man U-Arsenal storica rissa con Roy Keane. Idem in campo con Mihajlovic che in Arsenal-Lazio di Champions, 17 ottobre 2000, gli diede del «negro di m.» in risposta a «zingaro di m.». Intellettuali.

29 Salvatore BAGNI
Italia - 25-9-1956 - Centrocampista
“Non si fanno queste cose a cinque minuti dalla fine!”, il libro di Ziliani sul gol in Genoa-Inter 2-3 del 1983. Al Napoli, il comunicato con cui lui, Ferrario, Garella e Giordano chiedono a Ferlaino la testa di Bianchi. La tragedia del figlio non l’ha piegato. Guerriero.

28 Dino BAGGIO
Italia - 24-7-1971 - Centrocampista

Dal coltello (a Fuser per lo sputo a Kaliciak) schivato a Cracovia in Wisla-Parma alla pugnalata del mobbing alla Lazio. Il gesto dei soldi dopo il rosso in Juve-Parma, poi attore di teatro. Primo calciatore scambiato per un allenatore: dalla Juve all’Inter per Trap. Apripista.

27 Pietro Paolo VIRDIS
Italia - 26-6-1957 - Attaccante

A vent’anni disse no alla Juve. Poi capitolò, ma deluse. Con Bettega ko, 9 gol nello scudetto ’82, poi la cessione, a sua insaputa, all’Udinese. «Non fu Boniperti a mandarmi via, ma qualcuno più in alto». L’Avvocato aveva buona memoria. Orgoglio sardo.

26 Luigi “Gigi” RIVA
Italia - 7-11-1944 - Attaccante

Virdis ci ha provato, lui ci è riuscito: dire no alla Juve (ma anche all’Inter di Moratti padre). Il più forte attaccante italiano del dopoguerra resterà a Cagliari, per amore e per lo scudetto. Da accompagnatore azzurro, difensivista ultrallineato. Fedelissimo.

25 Thierry HENRY
Francia - 17-8-1977 - Attaccante

Quando ne ha diritto (da bambino, col padre che lo fa allenare già da professionista) non ne ha la forza, quando ne ha la forza non ha diritto (mano galeotta all’Irlanda del Trap). Ribelle al razzismo ma non a Blatter. Stand Up, Speak Up.

24 Bruce GROBBELAAR
Zimbabwe - 6-10-1957 - Portiere

La “Spaghetti dance” che all’Olimpico ipnotizzò Conti e Graziani, 31 anni dopo ispirerà la “Dudek dance” di Istanbul 2005. Per uno che ha combattuto la guerra civile in Rhodesia, il calcio non è roba seria. Come le accuse (mai provate) di corruzione. Saltimbanco.

23 Sinisa MIHAJLOVIC
Serbia - 20-2-1969 – Centrocampista/difensore

Otto giornate di squalifica per sputi e calci a Mutu in Chelsea-Lazio di Champions 2003-04. Tre (più multa di 12.700 euro) per l’affaire-Vieira. Con Totti si detesta. “Onore alla Tigre” lo striscione laziale per il criminale di guerra che gli salvò lo zio Ivo. Mistero Arkan.

22 João SALDANHA
Brasile - 3-6-1917/12-6-1990 - Allenatore

Contrabbandiere d’armi a 6 anni, leader studentesco a 20, comunista tutta la vita. Costruisce il Brasile che con Zagallo vincerà Mexico 70. Lui se ne va prima, perché il presidente Médici voleva Dadá Maravilha (Dário). Zagallo lo porta e non lo schiera. Corsaro rosso.

21 Salah ASSAD
Algeria - 10-6-1958 - Attaccante

Stella dell’RC Kouba e della nazionale, si arruolò nel Fronte di Salvezza Islamico (Fis) e da conobbe ben altri campi: «Il rischio, la paura? Per gli algerini è la vita». Per la festa dell’Indipendenza il presidente Chadli gli concede l’espatrio in Francia. Militante.

20 László KUBALA
Ungheria - 10-6-1927/17-5-2002 - Attaccante

Nel 1946 scappa a Bratislava per l’SK, il Ferencvaros accetta il risarcimento: 15.000 fiorini. In Spagna, fonda con altri esuli dell’Est la squadra itinerante Hungaria. Con Di Stéfano, l’unico a giocare in tre nazionali. La sua statua campeggia al Camp Nou. Transfuga.

19 Paul BREITNER
Germania - 5-9-1951 – Difensore/centrocampista

Estremo sinistro di ruolo (da terzino a regista) e di idee. Contestatore nato, pagò quelle politiche con una carriera inferiore ai mezzi. Letale su punizione, con Pelé e Vavá l’unico in gol in due finali mondiali. Ispirò legioni di post-sessantottini, oggi bacchetta in tv. Maoista.

18 Jean-Marc BOSMAN
Belgio - 30-10-1964 - Centrocampista

Il Bosman meno forte eppure più famoso. Modesto centrocampista belga dell’RC Liegi, ha cambiato il calcio e s’è rovinato la vita. La sentenza del 15 dicembre 1995 che ne porta il nome ha liberalizzato la circolazione dei calciatori, ma a che prezzo. Il partigiano Jean.

17 SÓCRATES
Brasile - 19-2-1954 - Centrocampista

Il Tacco di Dio, meteora viola, al Corinthians creò la Democracia Corinthiana con Casagrande, Wladimir, Zenon, Biro-Biro, Juninho e Alfinete. Per esortare al voto giocarono con scritto sulla maglia “Democracia”. Birra e tabacco le ricette del Doutor. Socialista.

16 Paul “Gazza” GASCOIGNE
Inghilterra - 27-5-1967 - Centrocampista

L’alcool e la coca, le risse, la cleptomania, le botte alla (ex) moglie Sheryl Kyle, rutti e peti al microfono, gli scherzi da caserma in spogliatoio, la barretta di cioccolato (tiratagli dagli spalti perché sovrappeso) raccolta e mangiata in campo. Compulsivo.

15 Harald Anton “Toni” SCHUMACHER
Germania - 6-3-1954 - Portiere

A Spagna 82, la terribile uscita sul francese Battiston: due denti rotti, due vertebre incrinate e due giorni di coma. «Se gli fa piacere sono pronto a pagargli il conto del dentista». Poi si scuserà. In “Anpfiff” (Fischio d’inizio), rivelazioni-choc sul calcio tedesco. Cyborg.

14 Daniel Alberto PASSARELLA
Argentina - 25-5-1953 - Difensore

Due incisivi di Neeskens a Baires 78, il calcione al raccattapalle in Sampdoria-Inter del 1987 gli “scalpi” più noti. «Io picchiavo per piacere, i mediocri di oggi per necessità» la risposta al moralista Valdano. Ex nemico di Diego, oggi è presidente del River. Caudillo.

13 Roy KEANE
Irlanda - 10-8-1971 - Centrocampista

Håland gli rompe i legamenti e gli urla di non simulare. Quattro anni dopo, il pupillo di Ferguson gli spezza apposta ginocchio e carriera: «Avevo aspettato abbastanza». La rissa con Vieira, i tifosi interessati solo ai gamberetti? Roba da educande. Fighting Irish.

12 Fulvio BERNARDINI
Italia - 28-12-1905/13-1-1984
«Lei è troppo intelligente, non la seguirebbero», così Pozzo lo esclude dall’Italia poi bi-mondiale. In panchina, il primo scudetto a Firenze e l’ultimo a Bologna, in azzurro l’era dei “piedi buoni”. «Io sono Fulvio Bernardini, e tu chi sei?», ai cronisti pivelli. Il Dottore.

11 Luigi “Gigi” MERONI
Italia - 24-2-1943/15-10-1967 - Ala

Capelli troppo lunghi per l’azzurro, gallina al guinzaglio, vestiti e quadri fai-da-te nella mansarda bohémien. L’amore “proibito” (come la Juve) con Cristina. Troppi dribbling all’Italia del ’68. Calzettoni alla Sivori, 7 alla Best. Ala spezzata da Romero. Farfalla granata.

10 Omar Enrique SIVORI
Argentina - 2-10-1935/17-2-2005 - Centrocampista

Con Maschio e Angelillo il vero fenomeno dei “Los Ángeles de la Cara Sucia”. Idolo dell’Avvocato, calzettoni alla cacaiola e il tunnel come tentazione irresistibile, squalifiche pari al talento e alla massa di capelli nero corvino. “El Cabezón” (il testone) fu un Maradona ante litteram ma del River e “solo” in campo. Col 10. Charles lo placò con uno schiaffo. Con Heriberto Herrera, profeta del Movimiento che non tollerava primedonne, nel 1965 finì a pallonate. Come il suo più illustre successore, fu re di Napoli. Chiude con espulsione e vittoria contro la “sua” Juventus. Leone per Agnelli.

9 Mario BALOTELLI
Italia - 12-8-1990 - Attaccante

Pivellino, intima a Cristiano Ronaldo di rialzarsi. Spacca le partite come gli zebedei ad arbitri, compagni (solo leggenda l’inno del Milan e il “vi stiamo prendendo” canticchiati in spogliatoio?), avversari, Mourinho e tifosi. Burattino furbo del neo-agente Raiola o vittima ingenua del proprio entourage, dell’Italia più becera e razzista, di Striscia e del nuovo amico Corona, dell’ex fiamma Barbara Guerra che lo ha querelato per l’intervista in cui la definì una «fallita pilotata da quel… di Lele Mora», del calcio che anziché «vergognarsi» lo multa di 7.000 euro per un applauso? Attapirato.

8 Agostino DI BARTOLOMEI
Italia - 8-4-1955/30-5-1994 - Centrocampista/difensore

Forza e classe pari all’orgoglio: smisurato come la potenza del destro. E la bontà del ragazzo di borgata divenuto, con lo storico scudetto dell’83, profeta in patria. Dentro, una fragilità ai più sconosciuta. Nel decennale della Coppa dei Campioni sfumata all’Olimpico ai rigori contro il Liverpool, il gesto di ribellione più estremo: un colpo di pistola, sul terrazzo della sua villa al mare, a San Marco di Castellabate, Salerno. Forse per quella chiamata dalla Roma che non arrivava, o per i rifiuti che gli impedirono di fare ciò per cui “Diba” era nato: insegnare calcio. L’urlo del silenzio.

7 Zvonimir “Zvone” BOBAN
Croazia - 8-10-1968 - Centrocampista

Nel maggio 1990 il calcio al poliziotto federale jugoslavo picchiatore di un tifoso croato a terra in Dinamo Zagabria-Stella Rossa - per i disordini nemmeno iniziata - come ribellione all’ingiustizia e istantanea dell’imminente guerra slava. Boban rischiò l’arresto (ce ne furono 147, 138 invece i feriti) e pagò con la negata convocazione al mondiale di Italia 90. Addio in linea con la classe, «a 33 anni, da migliore in campo. Preferisco ritirarmi da protagonista come sono sempre stato. Grazie a tutti». Intelligenza riottosa (agli schemi) ed eleganza superiori, in campo e fuori e persino in tv. Zorro croato.

6 Jorge “Lobo” CARRASCOSA
Argentina - 15-8-1948 - Difensore

Terzino sinistro, simbolo e capitano di Huracán e Argentina, nel ’78 il Lupo non perse il pelo (sullo stomaco) né il vizio (la schiena dritta) e a 29 anni, quattro dopo il flop con l’Albiceleste in Germania Ovest, rifiutò la convocazione: «Io il mondiale non lo gioco». Era il Mondiale dei trentamila Desaparecidos. E ad alzare la Coppa davanti alla Giunta militare di Videla, Agosti e Massera fu Passarella. Campione più di vita che in campo, sull’argomento dittatura non rilasciò mai interviste: parlare allora era troppo pericoloso, farlo dopo non era da lui. Aparecido.

5 Matthias SINDELAR
Austria - 10-2-1903/23-1-1939 - Attaccante

Idolo del Ct azzurro Pozzo, incubo del suo killer Monti. Al campione che non si piegò a Hitler, Governato ha dedicato la biografia “La partita dell’addio”, Austria-Germania del 1938. Campione-simbolo del “Wunderteam”, la meravigliosa nazionale di Meisl degli anni 30, “Cartavelina” (per il fisico alto e sottile) fece gol ma non il saluto nazista. Nove mesi dopo, la polizia austriaca trovò morto il “Mozart del calcio” e in coma la fidanzata ebrea Camilla Castagnola, perita poco dopo. «Suicidi da monossido di carbonio», si disse. Dietro, l’ombra della Gestapo. Eroi non per caso.

4 Diego Armando MARADONA
Argentina - 30-10-1960 - Centrocampista

MVP della storia moderna, capopopolo nato (spaccaNapoli a Italia 90). Mancino di piede e di cuore (Fidel), amico di Ahmadinejad e nemico di Bush Jr, Blatter, Pelé e Passarella. Vince da solo Mexico 86, contro l’Inghilterra la Mano de Dios e, subito dopo, il Gol del Secolo. Diego Jr, cocaina (conosciuta a Barcellona nel post- Goikoetxea) e obesità le nemesi quasi letali, per overdose, nel 1999. Tre squalifiche per doping (a Usa 94 per efedrina). Frequentazioni fatali e allenamenti come optional o clinic. Fucilate ai giornalisti. Ct per redenzione. «Que la chupen» dentro. La noche del Diez.

3 José MOURINHO
Portogallo - 26-1-1963 - Allenatore

Podio figlio dell’attualità, ma mai un allenAttore ha diviso tanto e così a fondo. “Guitto d’infimo ordine che avvelena i pozzi del calcio” (cfr. Garanzini) o Grande Comunicatore da Terzo Millennio? Arrogante, antisportivo, coraggioso sino all’autolesionismo, geniale e calcolatore. Il dvd sul Chelsea visionato 7-volte-7. Il pc sottobraccio anche scendendo dal pullman. «L’Italia non mi cambierà». Da «non sono un pirla» a oggi, è già successo. Le manette contro la Sampdoria il nadir di un uomo solo allo sbando, l’Inter perfetta dello Stamford Bridge lo zenit. Il Professionista.

2 George BEST
Nord Irlanda - 22-5-1946/25-11-2005 - Attaccante
«Ho speso tutto in donne, auto di lusso e alcool, il resto l’ho sperperato». Come il talento, azzerato col Pallone d’oro a 22 anni.
«È difficile scegliere se fare l’amore con Miss Mondo (ne ha avute due) o segnare al Liverpool. Per fortuna non ho dovuto». «Non fossi stato così bello, di Pelé nemmeno avreste sentito parlare». Il tunnel a Cruijff. Sul letto di morte, la foto-monito scattata su richiesta di Georgie all’amico e agente Phil Hughes per News of the World, il domenicale più popolare: «Non morite come me». Il B-side del Sessantotto, che col Quinto Beatle c’entra il giusto. Autodistruttivo.

1 Éric CANTONA
Francia - 24-5-1966 - Attaccante

Ribelle nel dna: il nonno paterno, Joseph, lasciò la Sardegna per Marsiglia, i genitori della madre erano separatisti catalani. Pedro Raurich, il nonno materno, aveva combattuto contro l’esercito del “Generalisímo” Francisco Franco e nel 1938, ferito al fegato, con la moglie Paquita riparò in Francia.
Più che la vita di “The King”, è il calcio inglese a cambiare per sempre quando Alan Wilkie gli mostrò il rosso nella folle notte del 25 gennaio 1995 al Selhurst Park, Crystal Palace-Manchester United. Il colpo di karate al provocatore Matthew Simmons e il colletto alzato manifesti di vita “contro”: compagni e avversari, allenatori e dirigenti, stampa e tifosi. E quando conta vince da solo.
Nel 1987 l’esordio in nazionale e le prime Cantonate: un pugno in faccia al compagno Martini e l’entrataccia su Der Zakarian del Nantes che gli costa tre giornate di squalifica, poi ridotte a due, più la minaccia del club di non mandarlo più in nazionale.
Pochi mesi dopo, proprio nei Bleus, nel dopopartita definì in diretta tv «sac de merde» il Ct Michel che aveva “osato” sostituirlo. Al Marsiglia, nel gennaio ’89, in amichevole contro la Torpedo Mosca, altra sostituzione: pallone scalciato verso il pubblico e maglia gettata via. Sospeso per quattro settimane.
In prestito per un anno al Montpellier, tirò in faccia gli scarpini al compagno Lemoult. Incidente che indusse sei senatori a chiederne la cessione, poi sventata dai buoni uffici dei compagni Blanc e Valderrama che convinsero la dirigenza alla mano morbida: 10 giorni di stop.
Rientrato all’Olympique, col patron-padrone Tapie proprio non si prende. Vinto il campionato, come “premio” si ritrova al Nîmes. Lì, nel dicembre ’91, palla contro l’arbitro e squalifica per un mese. Diventati tre dopo l’«idioti» alla commissione federale.
Nell’esilio post-Simmons impara a suonare la tromba, dipinge. Lascia perché vuole a 31 anni, poi recita sul serio. Non solo esiste ma vive. Di questi tempi, c’è qualcosa di più ribelle? Icona.
Christian Giordano
ch.giord@gmail.com

L'Inghilterra, un paese per giovani


Non fatevi ingannare: questo non è un Paese per vecchi. Anzi, è proprio la vecchia Inghilterra la nuova patria dei giovani.
Il vecchietto che zoppica, Wayne Rooney, ha solo 25 anni. La distorsione di primo grado alla caviglia destra lo terrà fuori - nella peggiore delle ipotesi - un mese, quindi sette partite, nel momento più caldo della stagione, ma potrebbe riaprire le porte della prima squadra al nostro Federico Macheda.
Perso Owen per il resto della stagione, nella rotazione di Ferguson è la terza punta dietro Berbatov, ma per lui Sir Alex stravede.
"Kiko", a lungo fuori per infortunio, ha giocato uno spezzone di partita contro il Bolton nel 4-0 per lo United, e Ferguson si è sbilanciato: "Sono contento del suo rientro, perché FRA I tanti giovani attaccanti che ho avuto qui allo United, lui è uno di quelli con più talento. In area di rigore, per un giovane di quell'età, ha qualità impressionanti".
"Quell'età" significa 19 anni il prossimo 22 agosto. Due in meno di Theo Walcott, in gol - quello della speranza - contro il Barcellona e pronto al suo secondo mondiale, stavolta da protagonista dopo quello da turista vissuto con Eriksson, che lo portò in Germania prima ancora di vederlo esordire in Premier.
Quella Premier che quest'anno vede in corsa per il titolo anche il suo Arsenal. Una squadra giovane, età media 25 anni, che assieme al Barcellona gioca il miglior calcio d'Europa quasi a prescindere dagli interpreti. E che ha nel capitano, il professore ragazzino Fabregas, un veterano non ancora 23enne. Un veterano che, nel Paese per giovani, sa far gol anche zoppicando.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it

La Maledizione del paziente inglese


Se Fabio Capello è superstizioso, conviene che inizi a toccare amuleti e portafortuna.
Perché con Beckham e Rooney, più Owen che però aveva poche chance di convocazione, siamo già ai tre indizi che fanno una prova: ogni 4 anni, sull'Inghilterra si abbatte la Maledizione Mondiale. Una sindrome maligna che colpisce, prima o durante ogni Mondiale le stelle della nazionale. E' già successo a 4 grandi giocatori in 6 edizioni.
Kevin Keegan, per il mal di schiena, a Spagna 82 giocò solo gli ultimi 26' contro i padroni di casa;
Bryan Robson si slogò una spalla in amichevole e a Messico 86 s'infortunò dopo 4' col Marocco; e a Italia 90, oltre ai guai a un tendine di achille, si ruppe l'alluce, finito sotto il letto di Gascoigne. Entrambi, si dice, non proprio sobri.
E se per Beckham il sogno Sudafrica si è spezzato col tendine di Achille destro il 14 marzo contro il Chievo, quello di Rooney poteva saltare su questo contatto con Gomez.
Un film horror che Roo ha già visto due volte: a Euro 2004, quando, contro il Portogallo, si ruppe il quinto metatarso del piede destro; e in replica il 29 aprile 2006, nel 3-0 subìto allo Stamford Bridge contro il Chelsea, quando fece ancora crack il piede destro a 10' dalla fine in un tackle di Paulo Ferreira. Insomma, lui ha già dato.
Anche Beckham, però: dopo aver firmato il gol-qualificazione contro la Grecia, si era rotto il secondo metatarso, ma del piede sinistro, in uno scontro con Duscher il 10 aprile 2002, Manchester United-Deportivo 3-2 nei quarti di Champions. Turno che poteva costare il Mondiale anche a Rooney. L'ennesima Maledizione del paziente inglese.
PER SKY SPORT 24, CHRISTIAN GIORDANO
christian.giordano@skytv.it